di Adria Bartolich, Opinioni & Commenti

Alternanza scuola-lavoro, strumento da incentivare

di Adria Bartolich

L’alternanza scuola lavoro  ha avuto una storia abbastanza travagliata.  Istituzionalizzata dalla legge sulla “Buona scuola” varata dal governo Renzi, è stata oggetto spesso  di critiche  e ostilità.

Certo, la sua applicazione non è stata priva di intoppi, non siamo in Germania dove il cosiddetto sistema duale funziona da tempo e la dimensione delle aziende, in gran parte medio-grandi,  facilita l’inserimento dei ragazzi; la nostra alternanza scuola-lavoro è stata  regolamentata a  pieno titolo  solo tre anni  fa e  deve tenere conto di un tessuto produttivo fatto in maniera preponderante di piccole e piccolissime imprese, della stanchezza dei docenti italiani che in meno di vent’anni si sono visti calare sulla testa  ben quattro riforme –  Berlinguer, Moratti, Gelmini e Renzi – ed infine deve fare i conti  non solo  con la  resistenza culturale della nostra tradizione umanistico-mediterranea  nei confronti del  sapere tecnico-scientifico,  ma anche  con una disparità e una disomogeneità delle situazioni  sul territorio nazionale.

È  un fatto che  ci siano state applicazioni distorte dell’alternanza.

In molti casi l’attività  svolta in azienda non aveva nessuna attinenza con la programmazione didattica e in molte scuole, soprattutto in aree in difficoltà sul piano economico, l’alternanza è stata solamente simulata, perciò privata di quel carattere esperienziale che la rende invece interessante per l’apprendimento.

In molte altre situazioni, però,  l’alternanza ha funzionato, così come il rapporto con le imprese. Sono sorti coordinamenti anche di carattere istituzionale, tra Camere di Commercio, associazioni datoriali e sindacali, Province ed enti locali,  proprio per regolamentare e seguire meglio le esperienze sul territorio, ricavando dati statistici ed elementi per migliorarne l’applicazione.

Certo, si tratta spesso di condizioni che  si sono create nel tempo, addirittura precedenti alla “buona scuola”,   ma se si crede che il rapporto tra mondo della scuola e imprese debba essere rafforzato, la scelta del governo di ridurre drasticamente i finanziamenti per l’alternanza  rischia di compromettere  un’esperienza che si stava, seppur faticosamente, affermando sul territorio, anche se in modo disomogeneo,  e di diminuirne la portata e l’efficacia  didattica; spesso, infatti, rappresenta una possibilità, per i ragazzi che hanno più difficoltà nello studio, di dimostrare invece abilità e competenze che la scuola, per come è strutturata, non riesce a identificare, ma nemmeno  a fare emergere e sviluppare.  Senza forzature, naturalmente, ma laddove si  verificassero le possibilità di farlo, l’alternanza  andrebbe incentivata .

27 Novembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto