Anziana scippata della borsetta in via Recchi

Mistero sulla dinamica dell’accaduto. È il quarto episodio in pochi giorni
Ha raccontato ai carabinieri della compagnia di Como di essere stata urtata alle spalle e di essere caduta rovinosamente a terra, rimediando la frattura del bacino e picchiando il capo sul selciato. Poi, soccorsa da un passante, è stata trasportata in ospedale per essere ricoverata. E in tutto questo trambusto sarebbe scomparsa la sua borsetta.
Un dato oggettivo, quello del furto subìto, che tuttavia l’anziana non sa a chi attribuire, se ad un borseggiatore – non bisogna dimenticare che in questi paraggi è avvenuto di recente uno scippi simile e il responsabile è ancora ricercato – oppure ad altro, magari a una delle persone che l’hanno soccorsa e di cui non ha chiesto più informazioni.

Fatto sta che la signora, nelle scorse ore si è presentata a sporgere denuncia per quanto accaduto. Ovviamente, se qualcuno dovesse aver assistito al fatto, è pregato di segnalare le informazioni in possesso ai carabinieri. 

 

Ma partiamo dall’inizio, ovvero dalla vicenda che risale al 9 novembre scorso. È domenica.
Intorno alle 11.45, la signora – una anziana di 87 anni residente a Como – passeggia lungo via Recchi. Non troppo distante, come detto, da via Borgovico dove era andato in scena sempre in quei giorni l’ultimo scippo del misterioso uomo ancora ricercato e autore di altri colpi (almeno tre) tra Como e Cernobbio.
A un certo punto la signora sente un urto alle sue spalle, perde l’equilibrio e cade rovinosamente a terra procurandosi un trauma cranico e una frattura del bacino. La donna non sa riferire quanto avviene da questo momento in avanti, e nemmeno se quel botto sia effettivamente da attribuire ad uno scippo. Quando però arriva all’ospedale per essere ricoverata, la sua borsa non c’è più. E da allora se ne sono perse le tracce. Ora la questione è sul tavolo dei carabinieri di Como che stanno indagando sull’accaduto.
Nella speranza che qualche cittadino possa aver visto la dinamica del fatto per poter poi fornire elementi utili alle indagini.

M.Pv.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.