Area palasport di Muggiò, chiuso da anni anche il parco pubblico

Palasport Muggiò il parco pubblico chiuso

La dicitura “Parco pubblico comunale”, il logo di Palazzo Cernezzi e gli orari estivi e invernali di apertura e chiusura al pubblico. È il contenuto del cartello collocato all’interno del giardino del palazzetto di Muggiò che invita cittadini e residenti del quartiere a entrare nel parco. Tuttavia la realtà suggerisce un’immagine esattamente contraria, ossia quella di una struttura ormai fatiscente con lamiere accartocciate, vetri rotti, erba incolta e alberi non potati che rischiano di spezzarsi, come accaduto con l’enorme pino il cui tronco giace ancora abbandonato vicino al palazzetto. Il palasport di Muggiò da polo sportivo e struttura ricettiva per molti giovani della zona oggi appare come un rudere.

I residenti da tempo denunciano alle autorità lo stato di incuria e abbandono in cui versa la struttura chiusa dal 2013.
Nei giorni scorsi i cittadini esasperati hanno avviato anche una raccolta firme per chiedere  chiarimenti sulla gestione dell’impianto sportivo ma anche per conoscere il futuro della vicina piscina di Muggiò, chiusa dall’estate del 2019.

«Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni», è il grido lanciato da chi vive nel quartiere. Tanti residenti, che invece che utilizzare il giardino attiguo al palazzetto sono costretti ora a passeggiare con bambini e cani all’interno di piazza d’Armi, una spianata polverosa usata come deposito lavori e piazzale per svolgere qualche pratica di guida non di certo autorizzata. 
I numerosi appelli dei cittadini la momento non sono stati però ascoltati. Da alcuni giorni si è aggiunta anche la richiesta rivolta dall’emittente Espansione Tv al Comune di visitare la struttura all’interno, per documentarne le condizioni. Richiesta a cui Palazzo Cernezzi ha risposto semplicemente che «non ne vale la pena». Una valutazione soggettiva da parte di dirigenti e assessori comunali, Marco Galli allo Sport e Pierangelo Gervasoni ai Lavori pubblici. Hanno vinto degrado e incuria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.