Arriva la maratona della grande prosa

Como Teatro Sociale vista esterna

Tradizione vuole che da gennaio alla primavera sul palcoscenico del Teatro Sociale di piazza Verdi arrivi il meglio della prosa drammatica del Paese. In tempi di digitale e virtuale, la possibilità di condividere l’emozione unica di una recitazione vera, palpitante, dal vivo, risulta ancora più preziosa. Specie quando ci si misura con monumenti della letteratura e dell’arte.
Artisti di grande fama e personalità si alterneranno da gennaio ad aprile in cinque spettacoli nel teatro cittadino, a cui è possibile abbonarsi, scegliendo come sempre la prima o seconda replica, ad un prezzo vantaggioso.
La maratona parte sabato 19 e domenica 20 gennaio con Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio con il loro Delitto/castigo, che porterà il pubblico nel vorticoso mondo dell’opera più letta e conosciuta dello scrittore russo Fjodor Dostoevskij. Nel romanzo, così come sul palco è evidente il conflitto interiore del protagonista che a vario titolo diverrà il conflitto di ognuno di noi.
La settimana successiva, 24 e 25 gennaio, sarà la volta di Alessandro Preziosi (attore che ha esordito in tv con “Vivere” la mitica soap opera girata sul lago di Como) ) che interpreterà uno straordinario Van Gogh, conducendo il pubblico alla scoperta del tema della creatività artistica e del legame di quest’ultima con la vita reale. Il tutto mentre al cinema esce l’atteso film sul pittore di Julian Schnabel con Willem Dafoe.
Febbraio (26 e 27) vedrà in scena un altro attore caro al pubblico lariano come Franco Branciaroli, al Sociale protagonista de I Miserabili, testo di Victor Hugo, adattato da Doninelli, che parla alla nostra epoca con straordinaria attualità, lanciando lo sguardo sul momento che stiamo vivendo, dove si assiste all’inesorabile ampliarsi della differenza fra chi è inserito nella società e chi invece ne è ai margini.
Altri due grandi attori per il geniale Piccoli crimini coniugali (26 e 27 marzo): ad affrontare il testo di Schmitt sulla vita di coppia, gli strepitosi Michele Placido e Anna Bonaiuto.
Chiuderà la stagione della grande prosa del Sociale il 12 e 13 aprile lo scrittore Alessandro Baricco che leggerà il suo Novecento, un monologo divenuto pietra miliare del teatro di narrazione e che ora è portato in scena dal suo stesso autore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.