Arrivano le guardie contro i pic-nic a Villa Olmo

Turisti prendono il sole sul prato di Villa Olmo

Turisti come usa dire oggi “spiaggiati” con tanto di teli da picnic, braghette e costumini, come fossimo a Rimini. E non in spiaggette isolate, o fazzoletti di verde anonimi ma nel parco su cui la Fondazione Cariplo ha puntato una giocata da 5 milioni di euro, per far tornare agli antichi fasti una struttura fondamentale per Como, quale Villa Olmo.

Il Comune di Como pertanto ha deciso di non abbassare la guardia. E mobilita le guardie ecologiche volontarie contro il degrado. È insomma alle porte una stretta di Palazzo Cernezzi contro turisti e cittadini che non rispettano le regole.

A presidiare il giardino di Villa Olmo saranno infatti le guardie ecologiche assieme ad alcuni settori della protezione civile.

 Obiettivo: controllare il parterre della villa che puntualmente, appena il clima inizia a diventare più mite e si apre la bella stagione del turismo nel capoluogo, viene scambiato appunto per un parco privo di regole ossia un gigantesco tappeto verde dove stendersi a prendere il sole, fare picnic, giocare e portare a spasso il cane.

Il problema però è che lo spazio non è un parco, ma un giardino. Il parterre di Villa Olmo, più precisamente. La casa della cultura dei comaschi e dei turisti, che si è voluto peraltro nobilitare come orto botanico per cui in futuro si pagherà anche un biglietto di accesso per le visite guidate.

 Per fare in modo che l’area non venga rovinata prima dell’inizio dell’estate, il Comune di Como invierà gruppi di guardie ecologiche a presidiare il giardino allo scopo di far rispettare le regole e mantenere così inalterato il decoro nell’area.

 La scorsa estate sono stati in molti i turisti che, attrezzati per andare in piscina al lido di Villa Olmo e dopo averlo trovato sbarrato, hanno deciso di accamparsi nel parco.

Il gioiello della città si è così trasformato in un lido, con teli, borse e borsoni sul prato e turisti stesi al sole. Quest’anno però il lido, quello vero, dovrebbe riaprire in tempo per l’estate. Le guardie ecologiche volontarie non saranno impegnate soltanto a Villa Olmo, il Comune ha fatto sapere che alcuni volontari saranno posti a presidio del Parco della Spina Verde.


Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Sergio , 11 Aprile 2019 @ 19:44

    “Arrivano le guardie contro i pic-nic a Villa Olmo”. Lodevole iniziativa che spero si realizzi al più presto e non solo per Villa Olmo. Spero che le guardie ecologiche volontarie siano dotate di strumenti di ripresa e facoltà di elevare o fare elevare “multe” ai trasgressori. Naturalmente la segnaletica dovrebbe essere appropriata su tutto il territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.