Atletica: fuorilegge scarpe record Kipchoge, vietate a Tokyo

World Athletics dice no

(ANSA) – ROMA, 31 GEN – Giro di vite della federazione mondiale dell’atletica, ‘World Athletics’ a proposito delle scarpe da record, da alcuni definite ‘doping tecnologico’, con cui Eliud Kipchoge, proprio oggi selezionato dal Kenya per la maratona di Tokyo 2020, ha corso nell’autunno scorso in meno di due ore, primato non omologato in quanto ottenuto non in gara ‘aperta’ ma organizzata in modo specifico per l’ottenimento della performance. Con una nota, World Athletics spiega che vengono vietati "i prototipi (come sono considerate le Alphafly utilizzate da Kipchoge a Vienna) e le scarpe che non siano accessibili a tutti, ovvero in commercio dal almeno quattro mesi". La federazione internazionale detta poi regolamentazioni tecniche, come il limite di spessore di 40 mm per la suola e il divieto di corredare le calzature con più di una piastra rigida. Inoltre , in occasione di competizioni in cui atleti utilizzino calzature particolari o giudicate ‘sospette’ i giudici avranno " potere di richiedere che un atleta fornisca immediatamente le proprie scarpe per l’ispezione al termine di una gara se il giudice di gara ha il ragionevole sospetto che le scarpe indossate da un atleta non rispettino le regole. Vi sono prove sufficienti per sollevare preoccupazioni che l’integrità dello sport potrebbe essere minacciata dai recenti sviluppi nella tecnologia delle calzature". "Non è nostro compito regolamentare l’intero mercato delle calzature sportive – è il commento del presidente della federazione internazionale, Sebastian Coe -, ma è nostro dovere preservare l’integrità della competizione d’élite assicurandoci che le scarpe indossate dagli atleti d’élite in gara non offrano assistenza ingiusta o vantaggio. Quando entriamo nell’anno olimpico, non crediamo di poter escludere scarpe che sono state generalmente disponibili per un considerevole periodo di tempo, ma possiamo tracciare una linea proibendo l’uso di scarpe che vanno oltre ciò che è ora sul mercato mentre indaghiamo ulteriormente". A questo proposito va ricordato che un altro modello che ha fatto discutere, le Vaporfly, sono sul mercato, al dettaglio e online, già da mesi e quindi dovrebbero essere utilizzabili a Tokyo. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.