Autisti aggrediti, i sindacati chiedono incontro in Prefettura

Un bus di Asf

La Cgil: “Non escludiamo uno sciopero”
La Cisl: “Agenti della security sui bus

Reazione immediata da parte dei sindacati Cgil e Cisl dopo la drammatica aggressione a due autisti degli autobus di Asf.
“Sulla questione sicurezza – spiega il segretario Filt Cgil Como Giovanni Riccardi – non possiamo né vogliamo più attendere. Abbiamo chiesto un incontro con Asf e Prefettura così da mettere a punto un piano effettivo sulla sicurezza sia per i lavoratori che per i cittadini. Gli investimenti promessi dall’azienda non possono più essere rimandati: la cabina dell’autista dev’essere messa in sicurezza e attrezzata con vetro antisfondamento, così da impedire eventuali aggressioni e il contatto diretto”.La Filt Cgil non esclude uno sciopero.
Dello stesso tenore anche la reazione della Fit Cisl, per voce del suo segretario, Flavio Romito: “Non possono essere chiamati gli autisti a risolvere situazioni di grave disagio sociale – dice – Serve sicurezza per chi viaggia in autobus o in treno e per chi lavora sui mezzi pubblici. I modelli da seguire ci sono, alcune soluzioni sono già stata adottate sui mezzi di Atm e sui treni di Trenord, ad esempio. Chiediamo un incontro in Prefettura con l’azienda per valutare correttivi come la presenza di uomini della security sui bus”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.