Baldassarre Longoni, maestro comasco

altAlla galleria Mag
In scena disegni inediti, alcuni acquerellati, direttamente dalla collezione di famiglia

Muovendosi tra divisionismo, realismo e naturalismo, Baldassarre Longoni (1876-1956), maestro lariano cresciuto tra il Comasco, Milano e Verona, fu uno dei pittori più interessanti del panorama lombardo tra Otto e Novecento.
Una serie di disegni gli rende omaggio in una retrospettiva a cura di Salvatore Marsiglione in corso fino al 1° febbraio alla galleria “Mag – Marsiglione Arts Gallery” di via Vitani 31 a Como, nel cuore dell’antico quartiere della Cortesella.
Nato a Dizzasco

d’Intelvi e morto a Camerlata, Longoni aderì con fervore al Divisionismo, uno dei movimenti più significativi della storia dell’arte italiana e che ebbe tra i suoi seguaci artisti di fama internazionale, tra i quali Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Gaetano Previati, Plinio Nomellini e Angelo Morbelli. Longoni aderì al Divisionismo subito dopo gli studi all’Accademia di Brera. Dal 1914 al 1923 si stabilì a Verona, per insegnare pittura all’Accademia Cignaroli. Nel 1923 fece ritorno a Como. Si occupò principalmente di ritrattistica e di paesaggio, che divenne suo soggetto predominante dagli anni Trenta, quando, esaurita l’esperienza divisionista, si accostò al naturalismo della tradizione lombarda.
In Cortesella l’occasione è preziosa: si ammirano direttamente dalla collezione della famiglia del maestro alcuni disegni, in parte acquerellati, tutti inediti, che spaziano dal paesaggio all’oggetto d’arredo, più disegni preparatori per opere murali e progetti dipinti per oggetti di design. Orari: dal martedì al sabato 10-13 e 15-19.30. Ingresso libero.

Nella foto:
Tre lavori del maestro lariano Baldassarre Longoni esposti in questi giorni alla galleria “Mag” di Salvatore Marsiglione in via Vitani, nel quartiere della Cortesella a Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.