Bambina di 18 mesi morta a Cabiate: arrestato il compagno della madre per maltrattamenti e violenza sessuale

Carabinieri

Un tragico incidente domestico. Così era stata spiegata la morte di una bambina di appena 18 mesi, colpita da una stufetta nella sua casa di Cabiate l’11 gennaio scorso e deceduta poche ore dopo, nonostante il ricovero d’urgenza all’ospedale di Bergamo.
La drammatica verità però, per gli inquirenti, sarebbe un’altra e oggi, a distanza di quasi due settimane dalla tragedia, le indagini sono arrivate a una svolta.
I carabinieri della compagnia di Cantù e della tenenza di Mariano Comense hanno arrestato il compagno della mamma della piccola, un 25enne di origine romena che quel giorno accudiva la piccola .
L’accusa nei confronti del giovane, Gabriel Robert Marincat, è di maltrattamenti con esito mortale, ma anche di violenza sessuale. L’autopsia sul corpo della bimba, effettuata all’ospedale di Bergamo, avrebbe rivelato infatti lesioni compatibili con maltrattamenti e anche con abusi sessuali.
L’uomo, per l’accusa, l’avrebbe picchiata ripetutamente fino a causarne la morte e avrebbe anche abusato della piccola.
Il 25enne è stato arrestato a casa della madre, a Lentate sul Seveso, in provincia di Monza Brianza, dove il giovane, operaio in un’azienda della zona, si era trasferito da alcuni giorni, sembra dopo aver interrotto la relazione con la mamma della bimba.
La giovane donna, dalle prime informazioni, si fidava del compagno e gli lasciava la figlioletta senza timori.
Il pomeriggio dell’11 gennaio, secondo quanto raccontato dal 25enne, la bambina, giocando, era stata colpita da una stufetta che le era caduta in testa.
Inizialmente, sempre secondo quanto riferito dall’uomo, le conseguenze dell’incidente erano sembrate banali e sembrava che la piccola stesse bene.
La situazione era poi precipitata. Sono stati allertati i soccorsi ed è stato chiesto l’intervento dell’elicottero del 118.
Il cuore della piccola si è fermato, i soccorritori l’hanno rianimata ed è stata trasportata all’ospedale di Bergamo, dove però è purtroppo morta poco dopo il ricovero.
«Un tragico incidente», ha ripetuto il 25enne. L’autopsia e i successivi accertamenti dei carabinieri hanno rivelato altro e spostato l’attenzione dalla tragedia all’orrore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.