Bangladesh: pena di morte per il reato di stupro

Decreto del premier dopo le forti proteste nel Paese

(ANSA-AFP) – ROMA, 12 OTT – Il reato di stupro in Bangladesh potrà essere punito anche con la pena di morte. La decisione, con un decreto che modifica la pena massima per questo tipo di reato che finora preveda solo l’ergastolo, è stata annunciata dopo la forte ondata di protesta e indignazione nel Paese per una serie di aggressioni sessuali. Il decreto è stato approvato in una riunione di gabinetto dal primo ministro Sheikh Hasina, sotto la pressione anche dei membri del suo stesso partito. Ed il presidente promulgherà il decreto "che entrerà in vigore domani", ha detto all’Afp il ministro della Giustizia Anisul Huq. Negli ultimi giorni, le proteste si sono intensificate a Dhaka e in altre città per chiedere la fine di quella che è vista come una cultura dell’impunità, dopo un video, diventato virale, che mostrava diversi uomini che si spogliano e attaccano una donna. Secondo gli attivisti per i diritti delle donne, solo una piccola percentuale delle vittime di stupro ottiene giustizia. In Bangladesh è in vigore la pena di morte nonostante le critiche dei gruppi per i diritti umani: dal 2013, 23 persone sono state impiccate e sono oltre 1.700 quelle in attesa dell’esecuzione, secondo quanto riferisce un gruppo di attivisti locali. (ANSA-AFP).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.