Basket, Cantù debutta a Bologna contro le “Vu nere”

«Dovremo farci trovare pronti e determinati», così coach Cesare Pancotto commenta il calendario dei biancoblu

Pubblicato il calendario della regula season 2020/2021. Coach Cesare Pancotto: «Dovremo farci trovare pronti e determinati»

La Lega Basket ha comunicato oggi il calendario ufficiale della Serie A della regular season che vedrà al via 16 squadre. Chiarito dalla stessa il Lega il “giallo” dell’involontaria uscita anticipata del calendario (era prevista per ieri ma il calendario è comparso sul sito ieri). La Lega l’ha giustificato come un errore “tecnico”. «È tanta la voglia di basket da parte di tutti – ha ironizzato il presidente della Lega Basket Umberto Gandini – che persino il calendario ha voluto bruciare le tappe e “spoilerare” se stesso».

Per quanto riguarda l’Acqua San Bernardo Cantù, il debutto sarà domenica 27 settembre contro le ostiche “Vu nere” a Bologna. Primo match casalingo il 4 ottobre contro Pesaro. Derby contro Varese fuori casa l’11 ottobre e poi la sfida con in campioni in carica di Venezia al Pala Desio il 18 ottobre. Il primo confronto in campionato con l’Olimpia Milano (prossima avversaria in Supercoppa), invece, si terrà a Desio il 15 novembre, con ritorno al Mediolanum Forum di Assago il 21 marzo. La stagione regolare dei brianzoli si concluderà il 2 maggio, in casa, contro la Dinamo Sassari. «Chiaro che debuttare contro la squadra che l’anno scorso ha lasciato le briciole a tutti non sarà affatto facile – è il commento del general manager di Pallacanestro Cantù, Daniele Della Fiori – Mi sembra scontato definire difficile questo esordio. Siamo consapevoli che ci sarà da lottare e che ogni partita sarà per noi un’opportunità. Dopo tutti questi mesi di stop, più che commentare il calendario è importante trovare la giusta forma e le giuste motivazioni. La squadra dovrà essere smaniosa di provare a dare tutto a ogni occasione».
Il capo allenatore Cesare Pancotto è decisamente proiettato sulla salvezza: «Il nostro gruppo ha due obiettivi: uno sul lungo periodo, ossia la salvezza, e il calendario per noi sarà chiaramente in funzione di questo. L’altro, invece, è tarato sul breve periodo, in cui sarà meglio concentrarsi su noi stessi, dando il massimo a ogni singola partita. L’obiettivo globale è comunque la salvezza. Dopo un così lungo periodo di stop, non ci sono punti di riferimento. Non sappiamo se ci sarà il pubblico o no, e non sappiamo se questo sarà un fattore determinante o meno. Dovremo farci trovare pronti e determinati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.