Basket Cantù, Robert Johnson si presenta

Sa sinistra, fabrizio Frates, Robert Johnson e Marco Sodini

Basket e rap. Queste le grandi passioni di Robert Johnson, l’esterno americano di 26 anni nel quale la Pallacanestro Cantù ripone grandi speranze. Il nuovo giocatore è stato presentato ieri pomeriggio ai media nella palestra “Toto Caimi” di Vighizzolo. L’ultimo arrivato in casa San Bernardo-Cinelandia Park ha raccontato di sé e della sua passione per la musica rap. I testi li scrive personalmente facendone un veicolo di messaggi sociali e si è informato all’arrivo sulla possibilità di accedere a una sala di registrazione.
Un po’ frastornato da tanta attenzione, Johnson si è unito subito ai compagni per il primo allenamento. «L’idea di poter far parte di questa squadra, con una società che ha alle spalle una lunga storia mi entusiasma davvero molto – ha detto – Non sono mai stato in Italia e giocare qui è senz’altro per me un’avventura inedita e stimolante».
Nativo di Richmond, Virginia, Johnson è uscito dalla prestigiosa università di Indiana. «Le sue qualità si sposano con quelle della squadra e con la nostra idea di basket – ha sottolineato il direttore tecnico di Pallacanestro Cantù, Fabrizio Frates – ha già vissuto esperienze di alto livello, avendo giocato in VTB League e in Turchia, motivo per cui abbiamo dovuto aspettarlo e convincerlo a sposare un progetto di A2».
«Portarlo in A2 è stato un lavoro di tutta la società – ha ribadito il capo allenatore della squadra biancoblù, coach Marco Sodini – lo staff tecnico è stato estremamente coeso nello scegliere i giocatori, partendo da un chiaro modello tecnico. A tal proposito, Johnson ha immediatamente acceso la nostra fantasia: è un personaggio accattivante, quello giusto per riportare Cantù dove merita. La cosa che mi ha colpito di più di lui è che mi ha chiesto informazioni molto dettagliate: ha cercato di capire come ci allenassimo, cosa significasse giocare per questo club e la sua storia; inoltre, si è presentato in buone condizioni fisiche, pronto ad allenarsi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.