Blevio e Faggeto, trattamento antiscivolo sull’asfalto

alt L’intervento della Provincia

Intervento “hi tech” e al tempo stesso all’insegna del risparmio sulla “Lariana”, in due tratti particolarmente scivolosi e dunque pericolosi.
Un cantiere-lampo che ha permesso di risparmiare tempo e denaro e che è strategico a causa dell’approssimarsi dell’inverno, in quanto ha reso meno scivoloso il manto stradale senza impegnarsi in costose fresature e posa di ulteriori manti ex novo.
Stiamo parlando dell’irruvidimento del manto stradale operato dall’amministrazione provinciale

di Como – curato dall’ingegner Andrea Esposito, funzionario di Villa Saporiti, con l’apporto operativo della ditta specializzata “Arcobaleno Service” di Verona – lungo due tratti di carreggiata. Il primo, di circa 100 metri di lunghezza, nel territorio di Blevio e il secondo di circa 200 metri, in quello di Faggeto Lario.
L’obiettivo dell’intervento era ripristinare un adeguato coefficiente di attrito della superficie del manto poiché, con il tempo, l’usura superficiale e il deposito di pulviscoli e gomma dovuti al transito dei veicoli avevano reso scivoloso l’asfalto.
La superficie stradale è tornata a un grado ideale di irruvidimento mediante “idrodemolizione” del manto, grazie a un’apparecchiatura a getto d’acqua ad alta pressione. L’attrezzatura impiegata, definita «altamente tecnologica», utilizza tre idrodischi da 80 cm di diametro che spruzzano acqua a una pressione di regolazione sino a 1.700 bar, garantendo una produzione di circa 250-1.250 ml/h di lavorazione.

Nella foto:
Sopra, operai lavorano al manto stradale. A destra, l’intervento di demolizione tramite getti d’acqua ad alta pressione

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.