Blitz antidroga dei carabinieri nei boschi dello spaccio
Cronaca

Blitz antidroga dei carabinieri nei boschi dello spaccio

I boschi dello spaccio restano nel mirino dei carabinieri.
Nelle scorse ore, i militari dell’Arma della compagnia di Cantù hanno concentrato l’attenzione sulla zona compresa tra i comuni di Monguzzo e Merone e nell’area circostante, fino alla località di Alzate Brianza.
All’operazione di controllo hanno partecipato trenta militari della compagnia di Cantù e della stazione di Lurago d’Erba, più un’unità del nucleo elicotteri dei Carabinieri di Orio al Serio e alcune unità antidroga del nucleo cinofilo di Casatenovo.
Durante il massiccio intervento di prevenzione, i carabinieri hanno ispezionato tre ruderi fatiscenti in disuso, utilizzati come basi operative dagli spacciatori magrebini; inoltre hanno individuato e smantellato alcuni punti di ritrovo nelle aree boschive e hanno sequestrato due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi di stupefacente.
Sono state identificate 40 persone e controllati 45 automezzi. Segnalate alla prefettura quattro persone trovate in possesso di piccole dosi di sostanza stupefacente per uso personale.
Sono infine stati emessi quattro fogli di via con l’ordine di allontanamento dai comuni di Monguzzo e Merone per quattro clienti degli spacciatori arrivati dal Lecchese.

28 luglio 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto