Bonifica della Ticosa, nuovo rinvio al 10 giugno

Santarelle e area ex Ticosa, le immagini del degrado

Galli: «Conferenza dei servizi fondamentale per il futuro dell’area»

Neanche il tempo dell’annuncio da parte del sindaco di Como, Mario Landriscina, che arriva il rinvio. La bonifica dell’ex Ticosa non verrà discussa oggi dalla Conferenza di Servizi. La riunione è stata rinviata al 10 giugno. Un rinvio «tecnico» che non fa scemare ad ogni modo la grande positività sull’esito della stessa Conferenza, da parte dell’assessore all’Ambiente, Marco Galli.

«Ho appreso anch’io oggi del rinvio – spiega Galli – che non cambia però molto riguardo il traguardo finale. Devo dare atto agli uffici del grande lavoro svolto in questi mesi. Ora raccoglieremo i pareri degli altri enti, ma sono fiducioso che stiamo per scrivere una pagina importante nell’iter dell’area».

Alla conferenza, convocata a Palazzo Cernezzi, parteciperanno per il Comune, oltre all’assessore, i dirigenti all’Ambiente, ingegnere Luca Baccaro e il geologo Ennio Grillo. Saranno poi presenti i rappresentati e tecnici di Villa Saporiti, di Ats Insubria, dell’Arpa, di Regione Lombardia e dell’Università dell’Insubria.

Dopo questo passaggio, la proposta di bonifica arriverà in giunta per la delibera. Sarà questo il primo voto politico verso il bando di gara internazionale che darà il via ai tanto attesi lavori.
«Non vedo l’ora che si possa chiudere questa fase – dice ancora l’assessore Galli – Il progetto elaborato comprende sia il terreno da bonificare sia l’acqua. Ora attendiamo l’esito dell’incontro. In base alle osservazioni verrà realizzato il capitolato per la gara e finalmente potremo sdoganare i lavori su un’area che da troppo tempo è stata sottratta a Como e ai comaschi».

Senza il completamento della bonifica, ogni discorso fatto sull’ex Ticosa diventa prematuro, anche se durante l’incontro organizzato sabato da COstruiaMO con Corriere di Como ed Etv, l’assessore all’Urbanistica, Marco Butti, ha detto sì al parcheggio, ma spiegato che il Comune non rinuncerà al progetto ambizioso di un nuovo quartiere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.