Bordoli celebra in pittura la Commedia di Dante

Bruno Bordoli dipinto La morte tra la gente

Trentaquattro tavole forti, urticanti, tutte dipinte a olio su cartoncino grezzo, con una scelta di versi del sommo Dante a 700 anni dalla morte, da commentare con tratti violenti, nervosi, ma anche tanta pietas per immedesimarsi nel personaggio Dante e nei suoi sentimenti durante il viaggio ultraterreno. È il ciclo dedicato alla Divina Commedia (che qui illustriamo rivelandone la parte dedicata all’Inferno) del pittore di Porlezza Bruno Bordoli, erede dell’espressionismo. Si va dai versi del primo canto («Tal mi fece la bestia sanza pace, / che, venendomi ’ncontro, a poco a poco / mi ripigneva là dove ’l sol tace» a quelli del canto 34esimo («Oh quanto parve a me gran maraviglia, / quand’io vidi tre facce a la sua testa»).
Bordoli ha una lunga frequentazione di testi moderni e contemporanei, classici e anche sacri che ha raccontato con la sua arte. Celebre è la recente lettura della Bibbia per la casa editrice Electa in due volumi dedicati rispettivamente ad Antico e Nuovo Testamento di grande formato riuniti in cofanetto.
Ora “Alla chiara fonte”, che è il nome della raffinata collezione di libri di poesia e arte attiva a Lugano fin dal 2001, a cura dello scrittore e pittore ticinese Mauro Valsangiacomo, pubblica di Bordoli una sorprendente novità, una raccolta di poesie, un diario in versi scritto tra 1996 e 1997 che l’autore ha raccolto sotto il titolo “Extra”.
Come annota sapientemente Gilberto Isella, «molti sono i contrasti che affiorano in questa raccolta. Uno per tutti, in Scorie di lava nera, è quello tra un’avvisaglia di paradiso – “s’apre /l’anticamera del paradiso” – e, appunto, le “scorie di lava nera”. Ne escono immagini di pietrificazione, come se gli uomini, dimentichi della grande promessa di redenzione da parte del “giovane re”, vivessero solo per assicurarsi una longevità pietrosa e quasi spettrale, dedicandosi senza posa ai propri feticci quotidiani».
Già in questi versi di quasi tre decenni fa la meditazione su Dante era attiva e produttiva in Bordoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.