Borsa: Europa riduce calo con Wall Street, Milano -2,6%

Richieste sussidi peggio di stime

(ANSA) – MILANO, 15 OTT – Riducono il calo ma restano pesanti le principali borse europee dopo l’avvio negativo di Wall Street, con l’aumento oltre le stime delle nuove richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa e il greggio Wti (-3,53% a 39,55 dollari) di nuovo sotto la soglia 40 dollari al barile. Peggio delle stime l’indice manifatturiero dello Stato di New York, sceso a 10,5 punti e atteso a 15, meglio invece l’indice manifatturiero della Fed di Filadelfia, salito a 32,3 punti contro l’atteso calo a 14 punti. Sui listini europei, che risalgono dai minimi, lascia il segno la seconda ondata di pandemia, con misure restrittive adottare da tutti i governi. Milano (-2,64%) è la peggiore, nonostante i dati sul fatturato e sugli ordini dell’industria in agosto. La precedono Francoforte (-2,59%), Parigi (-2,11%), Londra (-1,95%) e Madrid (-1,37%). In rialzo a 133,5 punti lo spread tra Btp e Bund, con il rendimento dei titoli decennali che sale di 5,6 punti allo 0,711%. Le vendite colpiscono in particolare il comparto petrolifero, da Shell (-5%) e Bp (-4,56%) a Total (-3,6%), Eni (-3,9%) e Saipem (-4%). Non va meglio agli automobilistici Daimler (-4,15%), Volkswagen (-4,21%) e Bmw (-4,26%), con le stime degli analisti sulle vendite di auto. Non fanno molto meglio Peugeot (-3,75%), Renault (-3,8%) ed Fca (-2,8%). Sotto pressione tra i bancari n campo finanziario segnano il passo SocGen (-5%), Commerzbank (-4,57%) e Credit Agricole (-4,27%), su ipotesi di un interesse per Banco Bpm (+0,62%), positiva insieme a Bper (+0,54%). Pesanti invece Poste (-4,63%), Intesa (-3,92%), Unicredit (-3,16%) ed Mps (-3,5%). In piena emergenza sanitaria cedono anche i farmaceutici Roche (-3,47%), Sanofi (-2,14%) e Novartis (-1,87%). In controtendenza Lonza (+2,57%), dopo le stime per il 2023 e Grifols (+7,85%), spinta dagli analisti che ricordano come il rivale Usa Vertex abbia cessato lo sviluppo di un farmaco per una malattia rara. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.