Borsa: Milano cresce con Europa, bene Poste, scivola Bper

Petrolio spinge Eni e Saipem

(ANSA) – MILANO, 05 OTT – Prima seduta della settimana solida per Piazza Affari, che si è mossa in linea con le migliori Borse europee: l’indice Ftse Mib ha chiuso in rialzo dell’1,06% a 19.265 punti, l’Ftse All share in aumento dello 0,91% a quota 21.093. Il tentativo di ripresa del prezzo del petrolio ha spinto Saipem, che ha segnato una crescita del 4,6%, ma soprattutto ha spiccato la buona accoglienza di Piazza Affari alle nozze tra Sia e Nexi: il titolo di quest’ultima, ben comprato per tutta la giornata, ha chiuso in rialzo del 3,1% a 17,41 euro. Ancora meglio ha fatto Poste italiane sui calcoli del ‘capital gain’ quale azionista di Nexi: il titolo, a lungo il migliore tra quelli a elevata capitalizzazione della Borsa di Milano, tra scambi molto intensi ha segnato un aumento finale del 4,5% a 7,9 euro. Forti acquisti anche su Tim (+3,8% a 0,35 euro) e Mediobanca, salita del 3,3% a quota 6,97, con Eni in crescita finale del 2,9% e Intesa del 2,5%. Forte anche Mediaset (+2,3%), in linea con il listino generale Mps (+1,1%), piatta Atlantia, che ha segnato l’aumento marginale dello 0,2% a 13,2 euro. Fiacco il Banco Bpm che ha perso l’1%, ma soprattuto seduta pesante per Bper nel giorno in cui si sono aperte le sottoscrizioni dell’aumento di capitale da 802 milioni per rilevare da Intesa Sanpaolo 532 filiali di Ubi Banca. Le azioni della banca emiliana-romagnola hanno perso il 7,3% a 1,18 euro mentre i diritti sull’aumento sono sprofondati del 33,8% a 0,4 euro finali. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.