Borsa: Milano debole, tengono banche e auto, brilla Mediaset

Petroliferi in ordine sparso. Frena Tim

(ANSA) – MILANO, 04 SET – Piazza Affari in calo nella seduta di fine settimana (-0,8%), ma tengono le banche, pur con lo spread salito a 149 punti. Bene Banco Bpm (+3,8%), Unicredit (+1,2%), Mps (+1%), Bper (+0,9%), sulla parità Intesa (-0,01%). Brilla Mediaset (+5,7%) il giorno dopo la notizia dell’approvazione da parte della Corte di giustizia Ue del ricorso di Vivendi (-0,5% a Parigi) contro il Testo unico sul settore tv e delle tlc della legge Gasparri (Tusmar) e con la disponibilità del Biscione a investire nella rete unica. Frena Tim (-1%) e si riprende Tiscali (+4%), dopo un giorno nero, seguito a uno sprint sulla scia dell’accordo sulla rete secondaria. Giù Exor (-4%) il giorno dopo la semestrale, male Atlantia (-3,2%) in vista dello scorporo di Aspi. Petroliferi in ordine sparso col greggio in calo (wti -3,8%) a 39,7 dollari al barile. Male Saipem (-2,2%), in calo Eni (-0,6%), meglio Tenaris (+0,2%). Pesanti le utility con Hera (-3,5%). Bene Banca Generali (+2,9%), Cnh (+1,9%), Fca (+1,6%) e Prysmian (+1,6%). Meno Poste (+0,2%). Giù Stm come il comparto. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.