Borsa: Milano scende con Europa e Covid, fatica Unicredit

Pesano trimestrali senza cedole

(ANSA) – MILANO, 06 AGO – Doppio effetto Covid sulle Borse europee: da una parte i mercati temono i dati in nuovo aumento della diffusione del virus, dall’altro pagano le tante trimestrali senza dividendi: Piazza Affari è stato uno dei listini più pesanti, con l’indice Ftse Mib che ha chiuso in ribasso dell’1,34% a 19.475 punti e l’Ftse All share in calo dell’1,24% a quota 21.305. A Milano, sulla stessa linea di Londra che ha guardato alla Bank of England che ha lasciato i tassi e il target del Qe invariati, pesanti Tenaris (-4,9%), Pirelli (-4,7%) e Unicredit, che ha ceduto il 3,8% a 7,76 euro. Vendite anche su Saipem (-3,8%) e Atlantia, in calo del 2,3%, fiacche Eni (-1,9%) e Tim (-1,7%), piatta Mediobanca, in rialzo dell’1,5% Banca Mediolanum e Bper. Tra i titoli a minore capitalizzazione ha oscillato la Roma, partita bene dopo l’annuncio della cessione a The Friedkin Group, ma con chiusura in calo del 3,9% a 0,53 euro. Nell’ultima settimana, quando è apparso concreto il passaggio all’imprenditore texano, il titolo è comunque salito di circa il 5%. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.