Borsa: Milano tiene con Atlantia e Mediolanum, debole Enel

Corrono Cattolica e Retelit dopo Opa

(ANSA) – MILANO, 31 MAG – Prima seduta della settimana in rialzo frazionale per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha chiuso in crescita dello 0,01% a 25.170 punti, l’Ftse All share con un aumento dello 0,11% a 27.611 punti, un aumento quasi impercettibile che comunque permette a Piazza Affari di essere la migliore in Europa. Gli altri mercati azionari del Vecchio continente, privi dei riferimenti di Londra e Wall street chiusi per festività, hanno infatti concluso tutti leggermente in calo: Parigi, Francoforte e Amsterdam in rbasso attorno al punto percentuale, mentre Madrid ha ceduto lo 0,8%. Tra i titoli principali di Piazza Affari, Atlantia, nel giorno del via libera dell’assemblea alla vendita di Autostrade per l’Italia, ha concluso in aumento del 2,8% a 16,09 euro dopo aver toccato un massimo di seduta a quota 16,39. Bene per tutta la seduta Banca Mediolanum (+2,1%), mentre Enel ha ceduto l’1% a 8 euro, con Leonardo fiacca (-0,8% finale). Nel paniere a minore capitalizzazione Cattolica Assicurazioni ha chiuso con un balzo del 15,11% a 6,97 euro. Il titolo si è posizionato al di sopra dei 6,75 euro ad azione messi sul piatto dalle Generali per acquistare, con un’Opa totalitaria, il 100% della compagnia veronese, segno che il mercato in futuro potrebbe chiedere un ritocco del prezzo. E anche Retelit ha corso sopra il prezzo dell’Opa lanciata da Asterion, con il titolo che ha guadagnato il 14,7% a 2,96 euro. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.