Cronaca, Territorio

Branco violento a Menaggio, uno degli arrestati respinge le accuse

Tre persone sono finite in carcere con l’accusa di aver violentato due minorenni all’inizio di agosto a Menaggio
Tre persone sono finite in carcere con l’accusa di aver violentato due minorenni all’inizio di agosto a Menaggio

Risponderà alle domande del giudice per difendersi e raccontare la sua versione dei fatti. Questa la linea difensiva del 22enne valtellinese accusato – con altri due giovani originari dell’Etiopia e dell’Albania – di violenza sessuale di gruppo su due ragazzine di 17 anni. È ancora irreperibile invece un quarto uomo, un moldavo accusato dello stesso reato.

Le vittime degli abusi, residenti nella provincia di Varese, erano in vacanza sul lago. La violenza è avvenuta nella notte tra l’8 e il 9 agosto a Menaggio, su una spiaggia del paese.

Giovedì scorso, i carabinieri hanno fermato i tre ragazzi, mentre sono iniziate le ricerche del quarto. Lunedì mattina, nel carcere del Bassone è in programma l’interrogatorio di convalida.

«Il mio assistito risponderà sicuramente alle domande – dice Francesco Romualdi, legale del 22enne sondriese – Respinge ogni ipotesi di violenza sessuale». Il ragazzo avrebbe sì confermato di aver conosciuto le due 17enni in un locale di Menaggio e di essersi poi intrattenuto in modo particolare con una delle due. Ma dopo alcune effusioni con la giovane, si sarebbe allontanato dal gruppo. Sulla spiaggia sarebbero rimaste le 17enni con gli altri tre ventenni ora accusati di violenza sessuale di gruppo.

«Il mio assistito non sa esattamente che cosa sia accaduto dopo che lui è andato via – dice il legale – le ragazze sono rimaste con gli altri per un’ora circa, A detta del mio cliente, dopo sono state riaccompagnate dove avevano indicato ai ragazzi».

L’avvocato esclude che il 22enne valtellinese volesse scappare e lasciare l’Italia. L’accelerazione dell’indagine, invece, è legata – così come spiegato dalla Procura di Como – dal rischio di fuga dei sospettati. «Una decina di giorni fa l’abitazione del mio assistito è stata perquisita e ha saputo di essere indagato – aggiunge il legale – ma ha proseguito la sua vita normalmente, peraltro dopo aver risposto alle domande in modo molto collaborativo. Nell’interrogatorio del gip ripeterà senza problemi la sua versione dei fatti».

Le 17enni, dopo la notte di violenza hanno raccontato tutto ai genitori, che le hanno accompagnate dai carabinieri e anche in ospedale. Gli accertamenti medici avrebbero confermato la violenza.

1 settembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto