«Briantea, il gioco di squadra può fare la differenza nella finale scudetto»

Briantea S.Stefano Avis finale scudetto 2021

Una gara che ha rilanciato la Briantea84 dopo la sconfitta nel primo match, disputato nelle Marche, ad opera del Santo Stefano Avis. La finale scudetto del basket in carrozzina è sull’1-1 dopo la vittoria dei canturini nella seconda partita sul campo amico di Meda.
L’incontro decisivo sarà sabato prossimo, ancora in Brianza, come ha stabilito il sorteggio della Federazione, e sarà una sfida decisiva, visto che il titolo 2021 sarà assegnato al meglio dei tre incontri: chi si imporrà conquisterà lo scudetto. Con la compagine di Macerata c’è anche un comasco, il 27enne di Anzano Davide Schiera.
L’UnipolSai Briantea troverà un avversario determinato, che ha fatto della difesa il suo punto di forza. Ma i canturini nell’ultima partita sono stati premiati dal loro essere squadra e dal vantaggio di avere una panchina decisamente più lunga rispetto a quella degli avversari.
«Il Santo Stefano Avis è un avversario di tutto rispetto – sottolinea Alfredo Marson, presidente della Briantea – e non lascerà nulla di intentato per provare a vincere il titolo sul campo di Meda. Quindi servirà la massima attenzione in ogni momento».
«Personalmente sono confortato dalla nostra prestazione in gara 2 – aggiunge il presidente – Nel primo match siamo stati in vantaggio e siamo stati superati in volata. Nell’ultimo, invece, abbiamo offerto una prestazione autorevole dal primo all’ultimo minuto, puntando sulla coralità e sul gioco di squadra, fattore che è stato determinante. Anche cestisti di qualità, che hanno grandi giocate, si sono messi al servizio dei compagni: è l’elemento che ha fatto la differenza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.