Cadorago, assessore trova i ladri in casa e li rincorre invano con la sua Panda

altIl racconto

Ha rincorso come uno sceriffo i ladri con la sua auto. I malviventi però sono riusciti a far perdere le tracce fuggendo a folle velocità. Carmine Mussari, assessore ai Servizi sociali a Cadorago, non avrebbe certo immaginato di vedersi coinvolto in un’esperienza del genere e invece, quando venerdì sera ha visto due persone uscire dalla sua abitazione, non ci ha pensato due volte e li ha inseguiti.
«Con la mia Panda non avevo mezzi competitivi per poterli raggiungere. Non vanno tralasciate

le mie capacità di guidatore e la loro velocità folle», ricorda l’assessore ironizzando sull’accaduto.
L’allarme sul cellulare è risuonato alle 22 e 10 precise. «Sono subito tornato a casa, e ho visto due persone che scavalcavano la recinzione sul retro – aggiunge – Hanno raggiunto di corsa il cimitero di Socco, che da casa mia dista un centinaio di metri. Ad attenderli qui c’era il palo a bordo di un’Audi scura».
I tre sono fuggiti, inseguiti dall’assessore.
«Li ho tenuti fino a Bulgorello, poi però li ho persi di vista», spiega Mussari. La velocità folle dell’Audi ha creato una distanza insanabile.
All’assessore non è restato così che tornare a casa per constatare i danni. I ladri hanno rotto il vetro di una finestra ma, forse disturbati dall’allarme, non hanno preso nulla. «Mi hanno anche spostato un quadro, forse credevano che ci fosse nascosto qualcosa. C’erano dei franchi svizzeri in bella vista e degli orologi ma non hanno preso nulla. So che quando è scattato l’allarme i miei vicini di casa hanno subito avvertito le forze dell’ordine e sono usciti sul balcone. Probabilmente la loro presenza li ha disturbati e li ha costretti alla fuga».
I carabinieri di Lomazzo hanno raccolto la denuncia dell’assessore e ora stanno proseguendo nelle indagini per riuscire a risalire alla banda.

Laura Omodei

Nella foto:
Carmine Mussari, assessore ai Servizi sociali del Comune di Cadorago, ha provato a trasformarsi in sceriffo, mettendosi a inseguire i ladri che gli avevano “visitato” la casa (Dps)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.