Camera di Commercio, 10 giorni per la soluzione

Il nuovo consiglio convocato per il prossimo 18 novembre
Appuntamento al 18 novembre. La Regione Lombardia ha pubblicato giovedì scorso il decreto di nomina del nuovo consiglio della Camera di Commercio di Como. Nello stesso decreto, il governatore Roberto Maroni ha anche fissato la data della riunione di insediamento del parlamentino dell’economia lariana.
Restano quindi 10 giorni di tempo alle associazioni di categoria per trovare un’intesa sui nomi del presidente e della giunta esecutiva.
La coalizione di maggioranza, che in un primo momento sembrava poter contare su 14 voti (la metà esatta dei 28 componenti), ha candidato l’ex numero uno di Confindustria, Ambrogio Taborelli, per la presidenza di via Parini.
Un nome sul quale non è stata però registrata unanimità di consensi, nemmeno nel gruppo che si era apparentato alcuni mesi fa in vista dell’assegnazione dei seggi nel nuovo consiglio camerale. Sempre giovedì, i sostenitori di Taborelli sono tornati a riunirsi e a confermare la candidatura del past president di Confindustria come l’unica possibile per la guida della Camera di Commercio di Como.
Ma, di fatto, la situazione è in fase di stallo. E non possono essere escluse sorprese di ogni sorta.
La convocazione del consiglio per il prossimo 18 novembre costringerà tutti gli attori in campo ad accelerare la trattativa e a trovare una soluzione. Nessuno, infatti, vuole arrivare a un voto risicato per la presidenza e la giunta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.