«Campione, approvato l’emendamento». Ma Falanga (Uil) critica i commissari

campione d'italia

Cinque milioni di euro all’anno per Campione d’Italia. L’emendamento sul contributo straordinario è stato approvato ieri dalla Commissione Finanza e Bilancio della Camera.
«Un aiuto importante per il Comune di Campione che sta affrontando una forte crisi di liquidità tale da penalizzare e mettere a rischio le attività dell’ente» ricorda in una nota il sottosegretario con delega alla Finanza locale Stefano Candiani – Una promessa che avevamo fatto ai cittadini e un impegno preso con il commissario Zanzi, di cui tanti stanno già correndo a prendersi i meriti dopo mesi passati alla finestra». 
Non viene però chiarito se questi soldi verranno svincolati dal versamento del pesante mutuo (oltre 500mila euro al mese) che il Comune di Campione ha con le banche per il pagamento dell’edificio del Casinò. Intanto ieri, il segretario della Uil Funzione pubblica di Como, Vincenzo Falanga, è intervenuto sullo slittamento della relazione sulla possibile riapertura della casa da gioco.
«Sembra quasi una resa. Solo ricorsi e controricorsi possono risolvere questa partita? Come rappresentante sindacale che segue la vicenda non credo che dopo quasi un anno si possa dare una simile risposta al paese» ha sottolineato Falanga.
«Abbiamo subito sollevato la necessità di non lasciare in mano solo a dei tecnici il destino di centinaia di persone – ha aggiunto Falanga – Non può decidere il Tribunale. Servono interventi legislativi. Serve la politica. Queste dichiarazioni lasciano solo perplessi e amareggiati».
Falanga ha confermato infine la mobilitazione in vista dello sciopero del 27 e 28 giugno. «Cercheremo di organizzare una manifestazione nazionale in luglio. A un anno dalla chiusura del Casinò la politica non può non intervenire su un tema così caldo. Gli ultimi dati del Casinò di Lugano dimostrano chiaramente il vuoto lasciato dalla casa da gioco di Campione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.