Campione d’Italia, quattro dipendenti lasciano spontaneamente il lavoro in Comune

Protesta davanti al Comune

Quattro dipendenti del Comune di Campione rassegnano le proprie dimissioni dal servizio per giusta causa: per mancato pagamento degli arretrati non versati dal 2017.
Lo annuncia il sito specializzato gioconews.it che ha preso visione dei verbali di deliberazione firmati dal commissario prefettizio Giorgio Zanzi.
Nel documento, Zanzi «delibera di accettare le dimissioni qualificate quali volontarie presentate dai dipendenti comunali a tempo indeterminato». Si tratta nello specifico di tre assistenti scelti della polizia locale di Campione d’Italia e di un collaboratore del settore dell’ufficio postale.
La partita per i 31 dipendenti che avevano invece ricevuto la lettera di dimissioni firmata dal commissario si giocherà il prossimo 9 settembre quando è fissata la camera di consiglio dal Tar del Lazio. Lo stesso tribunale amministrativo aveva disposto la sospensiva del provvedimento.
I primi dipendenti oggetto del licenziamento sono addetti al Servizio controllo del Casinò di Campione d’Italia, chiuso per fallimento dal luglio dello scorso anno, e personale di categoria “D” appartenente ad altre aree del municipio.
La nuova pianta organica dell’amministrazione dell’enclave ha cancellato tutto il settore del controllo sulla casa da gioco e cancellato anche altre posizioni. In totale saranno 68 i dipendenti che verranno collocati nelle liste regionali.
Questo però, dopo i necessari pronunciamenti sui ricorsi al Tar.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.