Cantù riparte da Gaines e Bigby-Williams

Kavell Bigby-Williams

Una nuova sconfitta e una classifica pesante, ma con qualche notizia confortante. La Pallacanestro Cantù uscita battuta nel match interno con la Virtus Bologna può guardare avanti con alcuni segnali positivi.
Certo, la graduatoria rimane sempre preoccupante, con i brianzoli al penultimo posto con due punti di vantaggio su Varese, che però è ferma da settimane per la problematica Covid e deve recuperare una serie di incontri. Oltretutto squadre che sembravano avversarie dirette nella zona per non retrocedere hanno rialzato la testa e stanno procedendo a buon ritmo (Trieste ad esempio). L’Acqua S.Bernardo, in sostanza, è chiamata a cercare di dare una svolta a un andamento preoccupante.
Finora, dopo un girone d’andata e un match in quello di ritorno – la gara persa con Bologna per 82-91 al PalaDesio – i brianzoli hanno conquistato soltanto quattro successi. Uno di questi, all’andata con Pesaro, prossimo interlocutore della formazione di coach Cesare Pancotto (il match domenica nella città marchigiana alle ore 18.30).
Non mancano, come detto, i segnali positivi, a partire dal carattere messo in campo contro la Virtus, formazione che in questa stagione in trasferta ha sempre vinto.
Una ulteriore conferma è arrivata da Frank Gaines, l’ultimo acquisto, sempre più punto di riferimento per la squadra. Nelle classifiche di giornata di tutta la serie A lo statunitense è stato il secondo migliore marcatore, con 24 punti. Alle sue spalle, ed è questa l’ulteriore indicazione degna di nota c’è al quarto posto l’altro atleta da poco giunto in Brianza, l’inglese Kavell Bigby-Williams, autore di 21 punti e miglior rimbalzista di giornata con 11 palloni conquistati sottocanestro.
Dopo qualche prova così così, Bigby-Williams ha mostrato una crescita che fa ben sperare. Il centro è giovane e non ha molta esperienza, era fermo dal mese di marzo e ha dovuto lavorare anche per migliorare la condizione. Il suo atteggiamento con Bologna è stato apprezzato: ha sfruttato gli spazi che gli sono stati concessi – gli emiliani difendevano soprattutto sugli esterni – e in difesa si è fatto sentire. Ora da lui si attendono conferme e continuità in una seconda parte di campionato al cardiopalma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.