Cantù torna in campo a Treviso: Maarty Leunen fuori causa

Maarty Leunen

Niente recupero, domani a Treviso; stessa sorte, probabilmente, per la gara interna del prossimo fine settimana contro la Virtus Roma. La Pallacanestro Cantù perde Maarty Leunen, uno dei suoi uomini più esperti.
L’americano si è infortunato domenica, nella partita del PalaDesio contro Milano, che ha visto il ritorno in campo dei brianzoli, che per il focolaio di Covid nel gruppo squadra avevano saltato le sfide con Treviso, Trieste e Cremona. L’Olimpia si è imposta per 71-89.
Il responso medico parla di “elongazione al soleo del polpaccio destro”. «Questo è il rischio che si corre quando si torna a giocare un match di grande intensità dopo un lungo stop – ha commentato il general manager Daniele Della Fiori – Purtroppo, è effettivamente capitato quello che più temevamo. Avremmo preferito evitare il turno di recupero infrasettimanale per avere una settimana piena di allenamenti e cercare di tornare alla normalità, ma non è stato possibile. Giocare tre partite in otto giorni dopo il fermo dovuto al Covid, di certo non ci aiuta. Bisogna comunque guardare avanti».
Domenica, al di là della sconfitta, si è vista una buona prestazione dell’Acqua San Bernardo.
La formazione di coach Cesare Pancotto ha tenuto il campo nel primo tempo, chiuso in vantaggio per 44-43. Poi, nella terza frazione, il parziale decisivo a favore degli ospiti (14-30). Ultimo quarto ancora equilibrato (13-16) con la squadra di Ettore Messina che alla fine ha festeggiato la sua ottava vittoria su otto gare disputate nella serie A 2020-2021.
«Mi piace pensare di dover già rimboccare le maniche – ha detto Cesare Pancotto, allenatore di Cantù – A Treviso dobbiamo mettere ancora più determinazione e qualità. Lo dico perché dopo la gara con Milano vedo il bicchiere mezzo pieno, un bicchiere che avremmo dovuto riempire durante tutta la partita. Purtroppo, però, nel terzo quarto Milano ha tirato fuori tutto talento, qualità ed esperienza; quel break ha deciso l’esito della gara. Nonostante ciò, devo dire bravi ai miei giocatori, che sono tornati dopo un mese e hanno disputato un incontro di altissimo livello».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.