Caos rifiuti, slitta anche l’App informativa

La nuova raccolta differenziata
In molti condomini mancano ancora i bidoni. Distribuiti opuscoli in tutte le lingue
Da una parte, i cittadini indisciplinati o semplicemente disinformati.
Dall’altra, i problemi ad avviare una macchina complessa come quella della nuova raccolta differenziata dei rifiuti, con bidoni ancora non consegnati in molti condomini della città e promesse fatte e non mantenute da parte dell’azienda incaricata della raccolta.
Tra queste ultime c’è senza dubbio l’App che era stata promessa per il 3 di giugno – primo giorno della nuova raccolta – e che invece non arriverà prima del 16. In pratica, scorrendo l’applicazione “PuliAmo” di A2a compaiono tutti i comuni serviti dal gruppo cui fa parte la controllata Aprica (Milano, Brescia, Bergamo, Varese, Basiglio, Bresso, Novate, Pero, San Donato Milanese, Segrate, Settimo Milanese e Trezzano sul Naviglio) ma non Como. Una questione discussa ieri mattina nell’incontro tra il Comune di Como e la società che gestisce la raccolta differenziata, un faccia a faccia utile per fare il punto stante la situazione che anche ieri – come è possibile vedere nelle foto – presentava ancora molte criticità. «L’App entrerà in funzione entro il 16 giugno», dice l’assessore all’Ambiente Bruno Magatti, che nello stesso tempo fornisce anche i primi numeri relativi al sacco dell’umido: «Nel giorno inaugurale del nuovo servizio, in città murata, abbiamo raccolto 45 quintali di umido, giovedì nella zona delle caserme 86 quintali. Insomma, il processo è avviato ma va però perfezionato».
Uno soprattutto è il punto su cui lavorare ovvero l’assenza dei bidoni in molti condomini del centro. «L’azienda mi ha garantito che lavoreranno anche oggi e domani per completare la distribuzione almeno in centro città. Ci sono alcune zone problematiche, soprattutto legate agli orari. Faccio un esempio: ieri in via Cadorna sono stati scaricati sacchi neri alla vecchia maniera e il mattino, quanto il ritiro era la sera». Il secondo punto chiave è l’informazione che sarà costante anche in questi giorni. Ed è proprio in questa ottica che si inserirà la distribuzione degli opuscoli esplicativi in tutte le lingue per informare gli stranieri delle novità legate alla raccolta differenziata. Brochure che verranno consegnate in occasione della seconda edizione di “Intrecci di Popoli”, il festival delle culture, dei gemellaggi e della cooperazione internazionale che oggi e domani andrà in scena lungo le vie della città di Como. Insomma, oltre all’obiettivo dell’evento – «Sensibilizzare la città sui temi della migrazione e della cooperazione internazionale» – verrà perseguito anche quello di informare tutti sulle nuove regole della raccolta rifiuti. «Immaginavo un inizio difficile – conclude l’assessore Magatti – Adesso puntiamo a portare in porto questa innovazione. Oggi (ieri, ndr) la situazione non era comunque così negativa».

M.Pv.

Nella foto:
Anche ieri la città era invasa dai sacchi della spazzatura, testimonianza delle difficoltà ad avviare le nuova macchina della differenziata: sopra via Gramsci

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.