Caos in piscina, allo stadio e all’autosilo: patteggia un anno e 8 mesi e va al Bassone

Piscina Sinigaglia

Ha raggiunto un accorso sulla pena quantificato in un anno e 8 mesi di carcere il ventunenne tunisino che, il 16 settembre scorso, si era introdotto allo stadio Sinigaglia, aveva danneggiato un pulmino del Como 1907, aveva imbrattato ambienti con un estintore e aveva divelto una porta di ingresso della piscina.

In base a quanto ricostruito alcune ore prima l’uomo aveva anche imbrattato una decina di vetture parcheggiate all’autosilo di via Auguadri. Una volta portato in Questura aveva iniziato a insultare e minacciare i poliziotti. Era stato arrestato per lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo ha ora patteggiato la pena quantificata, come detto, a 1 anno ed 8 mesi di carcere che sta scontando al carcere del Bassone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.