Capossela celebra le sue radici comasche

Musica sul Lario
Vinicio Capossela ha portato in scena al Teatro Sociale di Como uno spettacolo immenso. Inghiottito dal ventre di Moby Dick, il pubblico ha viaggiato per oltre due ore in compagnia di marinai, profeti e balene.
Un concerto epico, indimenticabile. Capitan Vinicio – che da buon corsaro prima del concerto è abilmente sfuggito alle domande dei giornalisti – ha voluto farsi perdonare rispondendo a modo suo: sul palco.
«Tanti anni fa ho trascorso alcune notti, di quelle che il giorno dopo non si ricordano, “All’una e Trentacinque Circa”».
Con questa premessa ha poi eseguito, da solo al piano, la canzone che ha dato il nome allo storico live club di Cantù. Capossela non sì è quindi dimenticato dei suoi esordi e di quel piccolo palco sui cui si era esibito per ben tre volte negli anni ’90, facendo subito innamorare tutti delle sue canzoni (nella foto, Capossela – il secondo da sinistra – davanti al locale di via Fossano 20).
Una bellissima dedica che ha commosso Carlo Prandini, gestore del noto locale e grande fan di Vinicio. «Mi ha fatto molto piacere, non me lo aspettavo. Mi hanno detto che il pubblico ha accolto la dedica e il brano con una ovazione. La prima volta che Capossela ha suonato a Cantù – aggiunge Carlo Prandini – era il 1993 e allora nessuno si aspettava che sarebbe arrivato fin qui. L’ultima volta risale al maggio del 97, dopo l’uscita dell’album Il ballo di San Vito. Molti degli spettatori che l’altra sera hanno riempito il Sociale lo hanno visto per la prima volta da me e mi hanno tempestato di messaggi. Il suo primo disco mi era piaciuto molto – ricorda ancora il gestore del locale brianzolo – Cercavo un nome in italiano per il pub e “All’1&35circa” mi sembrava perfetto».
Tutti gli appassionati di musica dal vivo sanno bene quanti grandi artisti hanno varcato la soglia di questo locale di culto del Lario. Segnatevi un nome in arrivo giovedì prossimo, 1° dicembre: il cantautore Gary Nock. Soprattutto se Damien Rice vi dice qualcosa.

Maurizio Pratelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.