Caradonna al successore «Mi criticò, ora si metta la mano sulla coscienza»

I rapporti tra l’ex assessore ai Lavori pubblici, Fulvio Caradonna, e il suo attuale successore a Palazzo Cernezzi, Stefano Molinari, sono andati in mille pezzi tra l’autunno 2009 e l’inizio del 2010. Ossia, dapprima quando il secondo invocò ripetutamente le dimissioni del primo per il caso del muro sul lungolago. Poi quando, sempre Molinari – vittima di una tempesta di polemiche per la gestione della nevicata del 21 dicembre 2009 – attaccò frontalmente il piano-neve ereditato da Caradonna.
Ora, però, quest’ultimo, pur sotto un tono diplomatico e serafico, non si lascia scappare l’occasione per pungere l’avversario.
«Ho letto le dichiarazioni dell’assessore Molinari – esordisce in stile britannico Caradonna – E se dichiara che gli stanziamenti per far fronte alle eventuali nevicate sono drasticamente diminuiti per evitare di tagliare settori ancora più importanti, posso certamente credergli. Però…». Ecco, da qui in poi, i “però” dell’ex assessore si trasformano in frecce avvelenate verso l’assessore.
«Vorrei soltanto rimarcare che anche ai miei tempi esisteva il problema del reperimento di ingenti somme per il problema neve – osserva Caradonna – Però io non mi sono mai arreso ancora prima di dare battaglia. Non è nel mio stile alzare bandiera bianca a prescindere, infatti mi sono sempre attivato per supplire all’eventuale mancanza di fondi con altre risorse. Per esempio, perché Molinari non coinvolge di più le associazioni, il mondo del volontariato o la protezione civile?».
Domanda – o meglio, stilettata travestita da domanda – che rimane senza una risposta. Ma Caradonna va oltre.
«Per alcune nevicate ho subito attacchi e critiche durissime, eppure ho combattuto le battaglie fino in fondo – ribadisce l’ex assessore – Mi sembra inconcepibile dire già ora che non si può fare niente. Sarebbe forse tempo che chi mi criticò frontalmente e ora afferma certe cose si passi una mano sulla coscienza e riveda alcune posizioni».

Emanuele Caso

Nella foto:
L’ex assessore ai Lavori pubblici, Fulvio Caradonna, si è dimesso dal Comune nel 2009

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.