Casinò di Campione, il 2 maggio giorno decisivo. In Regione tavolo finale tra le parti
Cronaca, Economia, Territorio

Casinò di Campione, il 2 maggio giorno decisivo. In Regione tavolo finale tra le parti

Una veduta del casinò di Campione d'Italia Una veduta del casinò di Campione d’Italia

Un’ultima riunione prima del rompete le righe. Oggi i dipendenti del casino di Campione d’Italia si sono guardati in faccia in attesa della data fatidica per il loro futuro: il 2 maggio. Giorno in cui in Regione Lombardia le parti si confronteranno per capire come andare avanti in futuro. Passaggio propedeutico, se non dovesse saltare il banco, al secondo incontro già previsto per l’8 maggio sempre in Regione per definire quelli che dovrebbero essere i dettagli dell’intesa raggiunta il 2, sperano le parti. Oggi nell’assemblea sindacale si è parlato anche della richiesta arrivata dalla direzione della casa da gioco che ha domandato, ormai alcune settimane fa, di poter prorogare fino a metà maggio l’intesa sottoscritta a fine febbraio. Una soluzione questa che prevede di applicare in continuità l’ultimo accordo aziendale sottoscritto nel settembre del 2016 e di evitare un provvedimento “ponte” prima della chiusura del tavolo tra i rappresentanti sindacali e la Regione.

L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola il 1° maggio

30 aprile 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto