Caso Chibro. Domani incontro con il prefetto

Fim e Fiom

(m.d.) I sindacati metalmeccanici della Cisl e della Cgil denunciano «la gravissima situazione che stanno vivendo i lavoratori e le lavoratrici della Chibro Spa di Montano Lucino e le loro famiglie». E proprio per discutere del loro futuro, per domani è previsto un incontro con il prefetto di Como, Michele Tortora. L’appuntamento con il rappresentante del governo è fissato alle 12, mentre dalle 11 vi sarà un presidio con i lavoratori sotto gli uffici della stessa

Prefettura in via Volta. Nella lettera inviata a Michele Tortora, i responsabili provinciali della Fim-Cisl, Alberto Zappa, e della Fiom-Cgil, Dario Campostori, premettono che «la Chibro, azienda attiva nella produzione di raccordi e tubi per l’industria navale e per il settore civile, versa in una situazione di crisi produttiva e finanziaria da oltre due anni».
Nel maggio del 2012 sono stati messi in cassa integrazione straordinaria 110 lavoratori su 165, mentre nel dicembre del 2012 la società ha presentato domanda di concordato preventivo. In virtù di tale domanda, all’inizio di maggio un ramo d’azienda, collegato al solo settore navale, è stato affittato dal gruppo Arvedi, garantendo in tal modo l’occupazione di 41 lavoratori.
Ora i sindacati segnalano al prefetto che vi sono molti dipendenti della Chibro che, «oltre ad avere perso di fatto il posto di lavoro non possono contare sull’anticipo della Cigs da parte dell’azienda. E quindi sono senza reddito da oltre 45 giorni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.