Cassa integrazione per gli operai delle paratie

Dopo lo stop sul lungolago – Sacaim e sindacati valutano l’applicazione dell’ammortizzatore sociale
Il provvedimento potrebbe riguardare l’intero cantiere: una decina di uomini
La Sacaim, il colosso veneto che si è aggiudicato l’appalto per il lungolago di Como, deve ricorrere alla cassa integrazione ordinaria per una buona fetta degli uomini in servizio sul cantiere delle paratie. In totale, gli operai stabilmente impegnati in loco sono una decina, e sindacati e azienda stanno ragionando sull’applicazione della cassa per tutti. La Sacaim è tuttavia disponibile a vagliare il reimpiego di alcuni uomini (3-4 al massimo) in altri cantieri operativi altrove.
Leggi l’articolo di Caso in PRIMO PIANO

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.