Castelnuovo Bozzente, fugge al posto di blocco. Giovane fermato e multato dalle fiamme gialle

La Guardia di Finanza di Olgiate Comasco

Fuggito a un posto di blocco della guardia di finanza a Castelnuovo Bozzente, un automobilista residente in provincia di Varese è stato rintracciato grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza. La vettura, che era senza assicurazione, è stata sequestrata e il conducente, senza patente, ha ricevuto una lunga serie di multe per violazioni del Codice della Strada oltre che delle norme legate all’emergenza sanitaria.
I militari delle fiamme gialle di Olgiate Comasco, impegnati nei controlli, hanno intimato l’alt al conducente di un’Alfa Romeo 147; questi ha ignorato il segnale e ha proseguito la corsa, allontanandosi a velocità sostenuta nelle vie del centro del paese. I finanzieri, allora, grazie anche alla collaborazione del sindaco di Castelnuovo che, oltre ad aver assistito alla fuga, ha consegnato le immagini delle registrazioni delle videocamere di sicurezza, sono riusciti ad identificare l’auto.
Le fiamme gialle si sono presentate a casa del proprietario a Malnate, in provincia di Varese. L’uomo ha provato a dire che aveva perso le chiavi della vettura e che ignoti potevano averla usata; una versione apparsa chiaramente non credibile.
Peraltro, dalle immagini di videosorveglianza, le forze dell’ordine sono riuscite a isolare un frame che mostrava chiaramente chi fosse alla guida dell’Alfa Romeo 147.
L’uomo ha dunque ammesso le sue responsabilità; ha dichiarato di aver nascosto la macchina in una via di Malnate e di essere fuggito per paura delle sanzioni per le normative anti-Covid.
La vettura, come emerso dalla banca dati, non aveva l’assicurazione ed è stata dunque immediatamente sequestrata.
Il proprietario, inoltre, è risultato essere senza patente. Al conducente sono state così contestate ben cinque infrazioni al Codice della Strada, oltre alle sanzioni previste per essere uscito di casa senza una reale motivazione e dunque violando le disposizioni a tutela della sicurezza in questa fase di emergenza sanitaria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.