Centro Valle Intelvi presentato l’hub: vaccinazioni al via da mercoledì

Vaccini

Partiranno mercoledì le vaccinazioni nell’hub di Centro Valle Intelvi, inaugurato ieri mattina.
La sede affiancherà i punti vaccinali già esistenti sul territorio e gli ospedali impegnati nella campagna vaccinale. Tanti, nel rispetto delle norme di sicurezza, i politici e i rappresentanti delle istituzioni intervenuti per l’occasione. Tra di loro il consigliere regionale del Pd Angelo Orsenigo. «L’hub allestito nell’oratorio di Centro Valle Intelvi messo a disposizione da don Paolo è un ottimo esempio di sinergia tra amministratori locali, volontari e parrocchia – ha detto Orsenigo – Una formula che dobbiamo assolutamente ripetere se vogliamo cambiare la sanità lombarda in meglio e per tutti, coinvolgendo il territorio e rimettendo al centro anche i bisogni delle aree più logisticamente complesse della nostra provincia». Il centro vaccini della Valle Intelvi è dotato di parcheggio, due aree di attesa per gli utenti, una all’esterno e una all’interno, cinque postazioni vaccinali e un ambulatorio dedicato a medici e infermieri. Presente all’inaugurazione il presidente del consiglio regionale, Alessandro Fermi. «È qualcosa di molto bello, qualcosa che nasce dal territorio grazie alla collaborazione tra i sindaci, le imprese, il parroco. Tutti uniti per ottenere un risultato per la comunità – spiega Alessandro Fermi – E ovviamente un grazie deve essere dedicato ai sanitari, medici e infermieri, che sono pronti a fare la lor parte. Anche questo hub è ovviamente presente nel nuovo portale di Poste Italiane da utilizzare per fissare l’appuntamento per la vaccinazione».

Mercoledì intanto si partirà con le iniezioni per gli over 80 per poi proseguire con la campagna massiva. L’obiettivo è di arrivare a 500 vaccinazioni al giorno. «Si comincia mercoledì con gli over 80 – esordisce il sindaco di Centro Valle Intelvi, Mario Pozzi – Entro venerdì pensiamo di aver immunizzato tutti». Presente anche Oscar Gandola responsabile dell’hub vaccinale. «Verrà garantito il servizio per 6 ore al giorno. Sono pronte 5 postazioni dove opereranno 25 medici di base e altrettanti infermieri che saranno tutti qui su base volontaria», dice Gandola. E tra questi volontari anche il medico Daniele Cusi. «Siamo fortunati perché i comuni che gravitano su questo hub sono piccoli – dice il dottore – e si conoscono bene le persone. Tutti saranno vaccinati, rispettando le varie priorità». Soddisfatta di quanto realizzato a Centro Valle Intelvi la consigliera regionale della Lega Gigliola Spelzini, anche presidente della Commissione speciale Montagna.

«È un segnale molto importante per l’intera zona e per i territori montani in generale che spesso – dice Gigliola Spelzini – hanno degli svantaggi. Ecco, questo hub sarà molto utile e rappresenta un messaggio di vicinanza alla gente». E in occasione dell’inaugurazione si è riflettuto anche su come il sistema sanitario regionale ha reagito alla pandemia. «Male, è stato il fallimento della medicina del territorio – ha detto l’onorevole di Fratelli d’Italia, Alessio Butti – Va ricostruita la presenza sanitaria sul territorio. Bisogna riaffermare e dare valore ad esempio al lavoro e alla collaborazione dei sindaci che, come accaduto in questo caso, insieme ai volontari, sono stati in grado di creare questo hub».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.