Cernobbio, il 25 e 26 maggio torna il Concorso d’Eleganza con le auto di Elvis Presley ed Elton John

Villa d'Este. Concorso d'Eleganza 2018

Novant’anni di Concorso d’Eleganza tutti da celebrare a Cernobbio. L’appuntamento è per il fine settimana del 25 e 26 maggio tra Villa d’Este e Villa Erba. “La sinfonia dei motori” il tema che sarà al centro dell’attenzione e che farà da sottofondo all’evento glamour sulle rive del Lario, che ieri è stato presentato a Milano al Teatro alla Scala.
Una manifestazione – la cui prima edizione fu organizzata nel 1929 – che di fatto conserva il disegno di sempre, quello che l’ha portata ad avere rilievo a livello mondiale con le presenza di auto classiche, rare e di grande valore, oltre a una serie di gioielli del design attuale.
Sabato 25, quindi, ci sarà la consueta sfilata (ingresso a inviti) a Villa d’Este, mentre parallelamente a Villa Erba ci sarà la mostra dedicata alle moto (aperta al pubblico dalle 9.30 alle 17, con biglietto a 9,50 euro).
Domenica 26, invece, ai mezzi già presenti a Villa Erba si uniranno quelli reduci dalla manifestazione del giorno prima (quindi le vetture d’epoca e la concept-car), con costo dell’ingresso da 14,50 euro (ore 9.30-16). Le auto del Concorso rappresenteranno tutte le marche più prestigiose. Tra i mezzi presenti a Cernobbio, una Bmw appartenuta al “re del rock” Elvis Presley (che sarà esposta su un gigantesco giradischi) e una Aston Martin che ha avuto tra i suoi proprietari il cantante inglese Elton John. Quest’ultimo pochi anni fa è stato ospite proprio di Villa d’Este per suonare al compleanno di un amico. Non è detto, quindi, che non possa fare capolino all’evento a pochi giorni di distanza dai due concerti all’Arena di Verona, fissati per il 29 e 30 maggio. Rispetto al 2018, non ci sono molte anticipazioni su Vip presenti alla manifestazione. È certa la presenza in giuria di Yasmin Le Bon, moglie di Simon, leader dei Duran Duran che lo scorso anno seguì l’evento in prima fila; per quest’anno, però, la sua presenza dell’artista non pare certa.
Tra le categorie ammesse ve ne sono alcune dedicate al mondo della musica, e, da quanto trapelato, gli inviti a cantanti di fama internazionale sono stati fatti. La loro presenza si scoprirà solo nei giorni della manifestazione.
Tra le curiosità, la presenza di una moto costruita nel 1901, una Holcroft, il mezzo più “stagionato” che sarà a Cernobbio, come ha spiegato Ulrich Knieps, guida Head di Bmw Group Classic. La casa automobilistica bavarese, che dal 1999 organizza la kermesse con Villa d’Este, festeggia peraltro i novant’anni dalla costruzione del suo primo modello.
Sergio Solero, presidente e ad di Bmw Italia, nel presentare il Concorso ha citato Leonardo da Vinci, spiegando quanto l’evento sia un mix di «genio ed esperienza».
Danilo Zucchetti, direttore generale di Villa d’Este, ha sottolineato: «Il Concorso d’Eleganza negli anni ha saputo evolversi senza mai cambiare i suoi valori di eleganza ed esclusività».
Nella prima edizione, nel 1929, organizzata in collaborazione con l’Aci di Como, parteciparono 80 vetture, che all’epoca erano gioielli del design, in prevalenza costruite in Italia. L’appuntamento 2019 avrà molti riferimenti alla musica e lo stesso Zucchetti ha ricordato che tra gli ospiti di Villa d’Este in passato vi sono stati Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini. «Come costante rimane lo sfondo del Lago di Como, che è un luogo speciale – ha concluso – La sua atemporalità è il fil rouge tra passato, presente e futuro. Ogni anno cerchiamo di preparare tutto al meglio, come se si trattasse della prima edizione, e non è mai facile selezionare le vetture partecipanti: abbiamo saputo evolverci, ma allo stesso tempo non abbiamo mai seguito le mode. Per questo Villa d’Este può essere considerato un luogo d’eccellenza, il più adatto per una manifestazione come questa, di livello mondiale».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.