Cernobbio, omaggio “classico” a Dalla

Domani alle 21
Partirà domani alle 21, al nuovo centro civico di Cernobbio in largo San Josemarìa Escrivà (frazione Piazza Santo Stefano), la minirassegna di concerti gratuiti che introduce alla quarta edizione del “Festival Città di Cernobbio”, al via il 4 agosto a Villa Erba.
A inaugurare il cartellone dei tre eventi, con la direzione artistica di Roberta di Febo, fondatrice dell’Accademia Musicale Giuditta Pasta di Como, Cécile Prakken (flauto traverso) e Motoko Tanaka (arpa) con un
programma che affronterà Donizetti, Fauré, Elgar e Debussy prima di inoltrarsi tra gli spartiti più recenti di Gulda, Tournier, Rachmaninoff, Andriessen e Piazzolla.
Ci saranno anche un omaggio a Lucio Dalla (Caruso) e composizioni dei giapponesi Taki, Narita, accanto alla celebre Ninna nanna di Takeda.
Venerdì 20, alle 18.30, all’Accademia Pasta, il concerto solista del virtuoso pianista Andrea Molteni; venerdì 27 luglio, alle 18.30 (ingresso su invito) all’Hotel Villa d’Este di Cernobbio, Arie d’opere interpretate da Alessandro Turri (tenore), Consuelo Gilardoni (soprano) e Marco Rossi (pianoforte).
Il Festival di Cernobbio, che da quest’anno è gemellato con il “Piano Master Festival” di Gravedona per la condivisione della linea artistica, la contaminazione, e per la volontà di dare spazio a talenti emergenti che si esibiranno ogni sera prima dei concerti principali, come detto, debutterà sabato 4 agosto.
Ad aprire la quarta edizione della rassegna, sul palco allestito all’interno della struttura fieristica del parco di Villa Erba, l’atteso show In Quartet di Tullio De Piscopo con una scaletta che si muoverà fra il jazz di Claude Bolling e il tango di Astor Piazzolla. Elio, di Elio e le Storie Tese, invece, duetterà con il pianista Roberto Prosseda il 6 agosto: con la verve che contraddistingue il cantante, da una parte, e il rigore del pianista classico, dall’altra, riascolteremo alcune pagine memorabili di Mozart, Rossini e Kurt Weill. E l’11 agosto toccherà a Max Gazzè esibirsi nel ruolo di “Uomo sinfonico” per ripercorrere con l’orchestra Toscanini, diretta da Alessandro Nidi, alcuni dei suoi maggiori successi accanto ad arie e sinfonie del repertorio classico e lirico.

Maurizio Pratelli

Nella foto:
Cécile Prakken (flauto traverso) e Motoko Tanaka (arpa), protagoniste domani

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.