Città deserta nel fine settimana del coprifuoco. Arrivano anche le prime sanzioni amministrative

Piazza San Fedele coprifuoco

I comaschi hanno iniziato con il piede giusto i primi giorni del coprifuoco. Dai territori della provincia, non giungono particolari segnalazioni di inadempienze da parte dei cittadini che dalle 23 della sera alle 5 della mattina hanno rispettato i dettami che impongono di rimanere a casa, nel tentativo di cercare di limitare la diffusione della seconda indaga di Covid-19.
Nel primo fine settimana di coprifuoco, dopo l’entrata in vigore giovedì scorso dell’ordinanza che vieta ogni attività e spostamento dopo le 23, comunque qualcuno è stato “pizzicato” in fallo.
La città di Como, che già nelle prime ore della serata sia di giovedì sia di venerdì (complice anche la pioggia) non era particolarmente affollata, si è svuotata del tutto o quasi.
Le forze dell’ordine hanno effettuato controlli per tutta la notte e sono scattate – come detto- anche le prime multe per la violazione del coprifuoco.
In via Bellinzona e in via Prudenziana, gli agenti della polizia della questura di Como hanno sanzionato un ragazzo in un caso e una giovane nell’altro (entrambi italiani) trovati fuori casa nel pieno della notte, mentre consumavano della birra in mezzo alla strada.
La sanzione amministrativa che scatta in questi casi prevede una multa da 400 euro, che scende a 200 euro se il pagamento avviene nei primi cinque giorni.
Nel caso dovessero essere trovati di nuovo non in regola, le sanzioni raddoppierebbero, come abbiamo ormai imparato nei giorni del lockdown della scorsa primavera. A parte questi pochi episodi, pochissime sono state le auto in transito in una città silenziosa e deserta.
Sulle strade solo gli autobus comunque in servizio e i mezzi della raccolta dei rifiuti, oltre a pochissimi veicoli privati.
Il coprifuoco, fino a nuovo ordine resterà in vigore dalle 23 alle 5 del mattino.
Sono ammessi solo spostamenti per motivi di lavoro o di salute, che devono essere giustificati compilando la nuova autocertificazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.