Cittadella sanitaria, il nuovo assetto è ufficiale

Via Napoleona – Riunita la segreteria tecnica per l’accordo di programma. Prorogata di tre mesi la navetta Grandate – Sant’Anna
Ieri a Milano sancita la suddivisione degli spazi tra Asl e azienda ospedaliera
Il Sant’Anna nel monoblocco, l’Asl nelle palazzine che si affacciano sulla Napoleona. È stata ufficializzata la nuova suddivisione degli spazi tra azienda ospedaliera e Asl nell’ambito della futura cittadella sanitaria. Nei prossimi due mesi, il progetto sarà definito in tutti i dettagli, compresi i costi e i tempi di realizzazione.
Ieri mattina, a Milano si è riunita la segreteria tecnica per l’accordo di programma sulla cittadella. Per la prima volta, al tavolo si è seduta anche l’azienda sanitaria, fino ad ora esclusa dai giochi. La riunione è servita per ufficializzare le notizie trapelate nelle scorse settimane sulla decisione della stessa Asl e del Sant’Anna di prendere di fatto strade separate, seppure all’interno dello stesso comparto.
«Asl e azienda ospedaliera hanno raggiunto un accordo sulla divisione degli spazi all’interno della cittadella – conferma Giuseppe Cosenza, dirigente del settore Lavori pubblici della

Provincia di Como – L’intesa è stata presentata a tutti i soggetti coinvolti ed è stata accettata e quindi registrata formalmente. Questo dunque sarà l’assetto definitivo della cittadella».
Riassumendo, nei sette piani del monoblocco simbolo del vecchio ospedale Sant’Anna troveranno spazio tutti i servizi sanitari che l’azienda ospedaliera intende mantenere in città e che non sono stati trasferiti nel nuovo presidio di San Fermo della Battaglia. In via Napoleona saranno effettuati, in particolare, prelievi, accertamenti diagnostici di primo livello, visite specialistiche e interventi chirurgici non complessi.
Le altre palazzine destinate a rimanere a uso pubblico diventeranno invece la nuova sede dell’Asl, sia degli uffici centrali sia di quelli del distretto di Como. L’azienda sanitaria occuperà anche i due nuovi edifici che saranno costruiti accanto agli attuali poliambulatori.
Prossimo appuntamento dopo le festività natalizie. «Registrata formalmente l’intesa – spiega Cosenza – Ora dobbiamo lavorare per definire i contenuti dell’atto integrativo all’accordo di programma per la cittadella. Oltre a sancire ufficialmente l’ingresso dell’Asl tra i protagonisti dell’accordo, il documento metterà nero su bianco le procedure da seguire e la tempistica. Torneremo a riunirci all’inizio del nuovo anno, dopo le feste di Natale. Asl e Sant’Anna metteranno sul tavolo una proposta articolata e, se ci sarà la volontà di tutti i soggetti coinvolti, nell’arco di due mesi potremo definire tutti i dettagli dell’accordo e procedere alla firma ufficiale».
Solo dopo questo passaggio potrà decollare il piano di alienazione degli edifici di via Napoleona destinati a essere trasformati in abitazioni, uffici e negozi. «Definire la parte pubblica è fondamentale per poter mettere sul mercato la restante parte dell’area – dice Cosenza – Prima di procedere con la vendita, bisogna definire anche gli aspetti legati alla viabilità interna, agli accessi, ai parcheggi, alle aree verdi. Sarà necessario procedere a un aggiornamento del valore del comparto. Se non ci saranno intoppi, presenteremo tutto entro marzo».
LA NAVETTA
In tema di nuovo ospedale, intanto, amministrazione provinciale e Asf, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico, hanno deciso di prolungare per altri tre mesi la navetta sperimentale di collegamento tra la stazione di Grandate e il Sant’Anna. Il servizio proseguirà dunque fino al 4 aprile 2012. Gli orari della navetta coincidono con l’arrivo dei treni in stazione a Grandate. Rispetto al primo periodo di prova, sono state inserite corse aggiuntive tra le 7 e le 8 del mattino. La navetta viaggerà solo nei giorni di scuola.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.