Civello, ieri l’ultimo saluto a Matteo Bernasconi, l’alpinista morto sul Pizzo del Diavolo

Matteo Bernasconi

Quindici persone distanziate tra i banchi, come previsto e imposto dalle restrizioni anti-contagio. Ma senza l’emergenza sanitaria in corso, la chiesa di Civello (Villa Guardia) non sarebbe bastata per contenere le tante persone che conoscevano e stimavano l’alpinista comasco Matteo Bernasconi, morto martedì a 38 anni tra le montagne della Valtellina dopo essere stato travolto da una valanga. Matteo – “Berna” per gli amici – era conosciuto e apprezzato da tutto il mondo della montagna. Era membro dei Ragni di Lecco, storico gruppo alpinistico. Negli anni, Bernasconi aveva seguito la sua passione più grande, fino a diventare – nel 2011 – guida alpina. Papà da due anni, l’alpinista comasco era uscito per un’escursione in solitaria martedì venendo travolto da una valanga nel Canale della Malgina, nella zona del Pizzo del Diavolo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.