Commissario straordinario per il Casinò di Campione. Novità  in materia fiscale per persone e aziende
Cronaca, Economia, Territorio

Commissario straordinario per il Casinò di Campione. Novità in materia fiscale per persone e aziende

Dopo quello sulla Tremezzina, la Commissione VI del Senato (Finanze e Tesoro) approva un altro emendamento che dà speranza a una realtà della provincia di Como, ovvero Campione d’Italia. Lunedì sera è stato accolto l’emendamento che innanzitutto apre la strada a un commissario straordinario per individuare «un nuovo soggetto giuridico» per la gestione del casinò.
Il commissario in accordo con gli enti locali, Regione Lombardia e gli operatori economici dovrà predisporre in 45 giorni un piano di interventi da realizzare.
Ma il passaggio in commissione non riguarda soltanto la casa da gioco chiusa dallo scorso 27 luglio. Nei sette articoli dell’emendamento definito come “Misure per il rilancio di Campione d’Italia” si prendono in considerazione tutti i residenti, i professionisti e le società del territorio.
Viene infatti modificato, tra le altre cose, il cambio franco-euro, ai fini del calcolo dell’Irpef, per i redditi delle persone iscritte all’anagrafe di Campione e dei professionisti con studi nell’enclave. La stessa riduzione (30%) vale per i redditi in franchi delle imprese individuali, delle società di persone e da società ed enti. Se le società svolgono reddito fuori dal territorio di Campione, dovranno tenere una contabilità separata. Previsti anche altri abbattimenti con minimi fissati. Soddisfazione è stata espressa dalla senatrice della Lega, Erica Rivolta.
«Si tratta di un primo passo concreto per fare rinascere Campione d’Italia. Dobbiamo ringraziare il viceministro dell’Economia, Massimo Garavaglia e tutto il suo staff che ha reso possibile il provvedimento. Il percorso è ancora lungo e presto arriveranno altre sfide, ma si tratta di un passaggio positivo», ha commentato Massimo D’Amico, presidente dell’Associazione operatori economici di Campione e membro, con Simone Versa, del Comitato “Tornare Campione”.
Dalle possibili schiarite sul futuro alle conferme riguardo invece il passato. Il portale specializzato “gioconews casinò.it” è tornato sulla questione della procedura di fallimento del Casinò Campione. I curatori fallimentari hanno infatti inviato una memoria al Tribunale di Como. La richiesta era giunta dopo che i sindacati avevano chiesto un incontro urgente al Tribunale stesso «al fine di avere chiarimenti in merito alla procedura fallimentare in corso e per poter esporre le specificità e le implicazioni relative alla grave situazione occupazionale che ne è derivata». I curatori (Elisabetta Brugnoni, Sandro Litigio e Giulia Pusterla), «consapevoli della situazione occupazionale e dei temi sociali che investono l’intera comunità di Campione d’Italia», devono «però fare ciò che la legge impone, esattamente come stanno facendo». La procedura di licenziamento è stata avviata il 24 settembre. La prima fase si è conclusa l’8 novembre con un verbale di mancato accordo. Domani sono convocate le parti in Regione Lombardia. Secondo i curatori questa fase si chiuderà il 10 dicembre, quando verranno inviate le lettere di licenziamento.
Il 13 dicembre in Corte d’Appello, a Milano, verranno discussi i ricorsi presentati da Comune, Casinò Campione e Banca popolare di Sondrio contro al sentenza che ha disposto il fallimento della società di gestione.

28 Novembre 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto