Commissione sicurezza, il piano operativo parte in un clima bipartisan

Palazzo Cernezzi

La commissione consiliare per la Sicurezza urbana, mafie ed ecomafie del Comune di Como, nella prima riunione di ieri ha stabilito la road map per le prossime riunioni. «La seconda riunione sarà il 20 marzo – ha detto ieri sera il presidente Vittorio Nessi – Abbiamo acquisito tutta una serie di elenchi di soggetti che convocheremo in audizione e con cui ci confronteremo: sono associazioni e soggetti che a vario titolo si occupano di sicurezza sul territorio. Le principali problematiche sono i delitti predatori, fenomeni come le baby gang ma anche questioni che attengono al decoro della città e a fatti non costituenti reato ma fonti di disagio, come l’inclusione sociale. Abbiamo lavorato in un clima ottimo, disteso e collaborativo, e confrontandoci sui problemi. Non mancherà a breve un incontro con il prefetto».
«Ognuno di noi ha dato il suo apporto nelle future attività – ha commentato il vicepresidente Sergio De Santis – Rispetto a quanto dichiarato da Monica Forte, presidente commissione antimafia, e cioè l’invito a partecipare alle udienze per i presunti fatti di malavita a Cantù in corso in Tribunale a Como, la commissione auspica la presenza dei singoli consiglieri. Sul piano delle decisioni operative, a breve andremo nei singoli quartieri di Como per incontrare associazioni di categoria e di volontariato, perché pensiamo che il primo approccio sia con i cittadini, a loro occorre dare risposte concrete».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.