Como e la poesia Legame europeo

altManifestazioni: il 22 marzo a Villa del Grumello il festival internazionale con ospiti del calibro di Giuseppe Conte e del russo Evgenij Solonovich
Como si conferma culla della poesia in senso europeo, prendendo il testimone da tante iniziative multimediali legate al verso come le letture promosse negli scorsi anni da manifestazioni quali l’Autunno Musicale e da operatori culturali come il critico letterario Vincenzo Guarracino.
Villa del Grumello, in via per Cernobbio e a pochi passi dalla neoclassica Villa Olmo, ospitò nel 1809 su invito di Giovan Battista Giovio, discendente dell’umanista Paolo, il poeta Ugo Foscolo, ricordato ancora

oggi da un busto in marmo nel parco sul declivio del lago. E fu proprio qui che sbocciò l’amore fra la contessina Francesca Giovio e il poeta Foscolo. Per lei, compose versi straordinari nel poema Le Grazie.
Qui l’associazione “La Casa della poesia” presieduta dalla scrittrice lariana Laura Garavaglia ospiterà il 22 marzo prossimo la quarta edizione del suo festival “Europa in versi” che quest’anno ha un tema impegnativo quanto affascinante, Il suono e il senso: un’origine comune. Così poesia e musica si fonderanno in un insieme armonico di parole e note: i linguaggi della poesia e della musica hanno, infatti, un’origine comune e sono da sempre legati da ritmo, armonia e suono.
Come ogni anno, saranno invitati a leggere le loro poesie alcuni tra i maggiori poeti contemporanei italiani, tra cui Giuseppe Conte, Ida Travi e Mario Santagostini. Non mancherà di dare il suo appoggio al festival il poeta e critico milanese Maurizio Cucchi, da sempre vicino alle attività della “Casa della poesia” di Como.
Ad essi si aggiungeranno i poeti stranieri Luisa Castro, José María Micó, Juan Vicente Piqueras e João Carlos Nunes Abreu dalla Penisola Iberica; Doris Kareva dall’Estonia; Turul Tanyol dalla Turchia; Andrey Alyakin e il grande poeta, traduttore e critico letterario Evgenij Solonovich dalla Russia. Nella sezione dedicata ai giovani poeti saranno presenti Anna Belozorovich e Laura Di Corcia.
“Europa in versi” raggiungerà anche il pubblico dei più giovani. Coinvolgerà infatti il Conservatorio “Verdi” di Como: gli studenti del Dipartimento di Musica Elettronica realizzeranno dei brevi motivi musicali modulati sul timbro della voce di ciascun poeta, mentre quelli dei corsi di Musica Classica eseguiranno brani liederistici. Ci sarà un intervento del coro guidato dal giovane direttore d’orchestra e compositore Alessandro Cadario. Infine, gli studenti dell’Università dell’Insubria di via Sant’Abbondio a Como saranno coinvolti nell’organizzazione dell’evento letterario e avranno anche il compito di accogliere i poeti e il pubblico a Villa del Grumello.
Da ricordare la “Bottega di poesia” che Mario Santagostini, tra i maggiori poeti contemporanei, terrà anche quest’anno durante il festival per offrire a chiunque componga versi indicazioni utili per migliorare e affinare il proprio modo di scrivere.
Santagostini leggerà attentamente i testi a lui sottoposti , saprà offrire consigli riguardanti il linguaggio poetico, che va appreso con costante esercizio di lettura e scrittura.
Sarà un’occasione unica per avere dei preziosi “input” al fine di acquisire il “mestiere di scrivere”.
Per iscrizioni scrivere una mail all’indizizzo lacasadellapoesiadicomo@gmail.com o telefonare al 344.03.090.88 (dalle 13.30 alle 14.30 e dalle 20.30 alle 22 da lunedì a venerdì). Tutto il programma è sul sito www.lacasadellapoesia di como.it.

Nella foto:
il poeta milanese Maurizio Cucchi, ospite dell’edizione dello scorso anno, durante una lettura con il pubblico della “Casa della poesia” di Como, diretta dalla scrittrice Laura Garavaglia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.