Como Nuoto femminile, sogno promozione: prima sfida a Napoli

La squadra femminile della Como Nuoto

Per la Como Nuoto femminile è arrivato il momento atteso da una stagione. La formazione delle “Rane rosa” ha infatti raggiunto i playoff di serie A2 di pallanuoto femminile e domani alle 15 a Napoli gioca la prima gara di semifinale contro le padrone di casa dell’Acquachiara.
«L’avversario è molto forte – spiega Maria Romanò, capitano delle biancoazzurre comasche – con una serie di buone individualità, tra cui Chiara Foresta, capocannoniere del girone Sud di serie A2. Una squadra abituata a disputare i playoff e che vanta trascorsi anche nella serie maggiore». Dunque un avversario decisamente impegnativo, ma le lariane di coach Stefano “Tete” Pozzi partono per la Campania e per la piscina di Scampia ben decise a mettere in difficoltà le loro interlocutrici.
«Sarà una partita complicata da gestire – afferma ancora Romanò – ma ci siamo allenate da inizio anno per raggiungere l’obiettivo degli spareggi per la promozione in serie A. Per noi è il terzo anno consecutivo ai playoff: gare molto toste, ma tutte da vivere e da giocare con intensità. Chi non vorrebbe conquistare la finale e la promozione alla categoria maggiore? Noi siamo pronte, non vediamo l’ora di scende in acqua e speriamo di dare il meglio e di giocare di squadra, come abbiamo sempre fatto in questa stagione».
Il capitano della Como Nuoto femminile lancia già un appello agli appassionati di sport lariani: «Giovedì 13 giugno alle 18 giocheremo gara 2 di semifinale nella piscina di Muggiò. Quella sera ci piacerebbe davvero poter contare sull’appoggio del pubblico: l’orario non è dei migliori ma ci piacerebbe vedere tanta gente sugli spalti, che ci accompagni per realizzare quello che è il nostro sogno».
La conquista dei playoff è andata a consolidare una stagione tutt’altro che semplice per la squadra lariana. «Noi non possiamo scegliere gli spazi acqua per gli allenamenti a Muggiò, e questo è già un problema – spiega coach Pozzi – In più abbiamo patito le varie chiusure dell’impianto cittadino. Ci siamo dovuti arrangiare, trasferendoci spesso a Cermenate. Praticamente abbiamo passato un anno a viaggiare, le ragazze hanno sofferto, hanno raggiunto l’obiettivo e sono davvero contento per loro anche per questo motivo».
«La stagione è finora andata in modo perfetto – conclude il coach – Siamo partiti con leggere difficoltà per poi ingranare progressivamente: dalla seconda parte dell’andata abbiamo sempre ottenuto risultati positivi»

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.