ComoNExT e università dell’Insubria, nasce Contamination Lab

Il parco tecnologico di Lomazzo, ComoNext

Il Contamination Lab è nato da poche ore, questa mattina la presentazione ufficiale, e sono già due le richieste per un suo intervento da parte di studenti o team di ragazzi desiderosi di capire se la loro idea potrà avere le gambe per trasformarsi in una start up del futuro e magari camminare da sola.
Il C.Lab infatti, nato dalla collaborazione tra Università dell’Insubria e ComoNext, l’hub tecnologico di Lomazzo, ha proprio questa missione: condurre e accompagnare chi ha un progetto d’impresa ma non ha idea di come si faccia, a farla transitare dalla teoria accademica alla realtà del mondo economico. Lo scopo di questo incubatore di progetti è affiancare dunque gli universitari e le loro creazioni verso un futuro che possa generare e distribuire valore alla popolazione, ovviamente se sostenibili. Come detto ieri mattina si è svolta la presentazione del C.Lab.

«Abbiamo pensato che potesse essere una bella sfida da cogliere insieme – dice Stefano Soliano, direttore generale ComoNext – lavorando con studenti e docenti per far capire ai ragazzi che una volta usciti dal mondo dello studio e della ricerca non necessariamente si deve cercare un posto di lavoro offerto da qualcun altro, ma si può essere anche artefici del proprio futuro». Una commissione di esperti accompagnerà i candidati in un percorso dedicato di affiancamento e avvio al tutoraggio.


Sul fronte universitario interviene Mauro Fasano, delegato del rettore dell’Università dell’Insubria per l’Innovazione e il trasferimento tecnologico. «Le linee guida sono la ricerca, la didattica, l’educazione continua, il trasferimento tecnologico e il necessario coinvolgimento della popolazione – spiega Fasano – La gente deve percepire cosa fanno le università e ad esempio in questo caso il lavoro è proprio incentrato su idee che magari in futuro potranno generare qualcosa di concreto, dei prodotti. Fondamentale che gli studenti si formino anche con questi percorsi dove vedono come la conoscenza diventa valore concreto».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.