Consiglio aperto sulla nuova Ztl, nessuna novità dal dibattito

alt

Commercianti a Palazzo Cernezzi

(f.bar.) Parcheggi sempre più invisibili, tariffe in divenire, l’imminente avvio della Ztl e la ribellione dei commercianti prossimi alla chiusura. Un poker che si è riproposto a Como, immutato ormai da mesi, anche ieri sera nel consiglio comunale aperto.
La seduta – convocata su richiesta dei consiglieri di opposizione Luca Ceruti, Mario Molteni, Marco Butti, Laura Bordoli, Diego Peverelli, Alberto Mascetti e Ada Mantovani – non si è animata molto.
I temi della cancellazione dei

posti blu, della chiusura di piazza Roma e in futuro di altre zone del centro restano però caldi. Fin dalle 19, infatti, un gruppo di esercenti della fascia piazza Roma-piazza Cavour ha prima presidiato l’ingresso del Comune e poi si è spostato in sala consiliare. Qualche mugugno e frase di protesta sono immancabilmente partiti in direzione di alcuni degli intervenuti.
I negozianti hanno seguito, passo dopo passo, il dibattito facendo sentire comunque la loro presenza. «Il timore maggiore rimane sempre lo stesso. La Ztl, secondo noi, snatura un luogo andando a creare seri problemi per chi qui lavora – ha ribadito dopo aver preso per primo la parola l’avvocato Mario Lavatelli, presidente della Associazione Civica Utenti della Strada (Acus) – Doveva essere un’operazione preceduta o affiancata da un vero progetto di riqualificazione dell’area. Non ha senso partire con un simile intervento e prevedere solo dopo il ridisegno della piazza». Numerose le persone che hanno chiesto di intervenire.
«La Ztl provocherà danni ancor peggiori rispetto a quelli già creati. C’e un accanimento da parte del Comune di Como su questo piano che sinceramente non comprendiamo», ha detto Claudio Casartelli, presidente della Confesercenti lariana.

Nella foto:
Il pubblico del consiglio comunale aperto di ieri sera a Como, molto numeroso, è stato “diviso” tra l’aula principale e la Sala Stemmi (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.