Conti “aggiustati” al Comune di Mozzate: 5 condanne.Tre anni e 5 mesi all’ex sindaco. Assolto l’assessore

tribinale como palazzo di giustizia

Cinque condanne in primo grado, compresa quella dell’ex sindaco di Mozzate, Luca Denis Bettoni a 3 anni e 5 mesi. Una assoluzione «per non aver commesso il fatto» per l’ex assessore al Bilancio Enrico Bertulessi. Il tutto, frutto di cinque capi di imputazione che sono stati ritenuti sussistenti (per falsi in bilancio e per un abuso d’ufficio) e di quattro capi di imputazione per cui è stata letta la sentenza di assoluzione «perché il fatto non sussiste» oppure, come nel caso del presunto abuso d’ufficio sulla discarica, «perché il fatto non costituisce reato». Si è concluso così, ieri mattina davanti al Collegio di Como presieduto da Valeria Costi (a latere Nicoletta Cremona e Andrea Giudici) il processo che aveva messo sotto la lente d’ingrandimento una serie di presunti falsi in bilancio ma anche due presunti abusi d’ufficio, uno dei quali concluso con l’assoluzione. Sotto accusa erano finiti circa un milione e mezzo di euro che secondo il pm Simona De Salvo sarebbero stati indicati a bilancio (seppur inesistenti) come “Residui attivi”.
Contestazioni gestionali che avrebbero riguardato il periodo dal 2010 al 2013. L’ex sindaco – riconosciuto colpevole per tre capi di imputazione, due di falso e uno di abuso d’ufficio – ha rimediato la pena più alta, a 3 anni e 5 mesi. Per lui è stata decisa anche una provvisionale da 3 milioni di euro solo per l’abuso, più 50 mila euro in solido con gli altri imputati per i restanti capi di imputazione. Condanne a 2 anni e 10 mesi per quelli che all’epoca dei fatti erano la responsabile dell’ufficio ragioneria e tesoreria e il segretario comunale, un anno a testa (con la sospensione condizionale) per i revisori dei conti. Le richieste dell’accusa erano state più alte, 5 anni e 6 mesi per l’ex sindaco, 3 anni e mezzo per l’assessore poi assolto, 5 anni e 6 mesi e 5 anni e 9 mesi per i due dirigenti del Comune e due anni per i revisori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.